Responsive image
Francesco Cassata

L'Italia intelligente

Adriano Buzzati-Traverso e il Laboratorio internazionale di genetica e biofisica (1962-69)

Saggi. Storia e scienze sociali
2013, pp. XX-460

ISBN: 9788860368775
€ 27,00 -15% € 22,95
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello € 22,95
Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist
Scheda libro

Nella primavera del 1962, a Napoli, il Laboratorio internazionale di genetica e biofisica (Ligb) iniziava le proprie attività. La costituzione del laboratorio rappresentava il coronamento di una battaglia decennale condotta dal suo fondatore, Adriano Buzzati-Traverso – fratello dello scrittore Dino – per rinnovare e modernizzare l’organizzazione della ricerca scientifica in Italia. In pochi anni, il Ligb raggiunse fama di livello internazionale, candidandosi a possibile sede del futuro laboratorio europeo di biologia molecolare. Ma qualcosa andò storto. Nel 1969, infatti, quando era ormai alle porte un accordo internazionale con l’Università di Berkeley per la costituzione a Napoli della prima scuola di dottorato in biologia molecolare in Italia, il Laboratorio venne travolto da una profonda crisi, che vide significativamente affiancati, contro il comune avversario, da un lato alcuni settori dell’università e del Cnr, ostili all’esperimento di Buzzati fin dagli esordi, e dall’altro una compagine di tecnici, ricercatori e borsisti, pronti a occupare il laboratorio e a scagliarsi contro la direzione, etichettando la biologia molecolare come «scienza borghese», «americana» e «reazionaria». Attraverso una ricerca basata su un’ampia e inedita base documentaria, Francesco Cassata racconta un caso esemplare che ha molto da dire all’Italia di oggi. Le vicende politico-istituzionali e la storia della scienza si intrecciano, portando alla luce una serie di questioni tra loro connesse: la nascita, nell’Europa della guerra fredda, dell’egemonia statunitense in campo scientifico; la cooperazione scientifica internazionale; la crisi del sistema universitario e l’organizzazione della ricerca nel nostro paese. Questioni nate nell’Italia del boom, un’Italia che, da quel momento in poi, troppo spesso ha sprecato il talento e il genio dei suoi cervelli, perdendo competitività e smettendo di scommettere sul proprio futuro.

Autore

Francesco Cassata

Francesco Cassata insegna Storia contemporanea presso l’Università di Genova. Tra le varie pubblicazioni ricordiamo:Molti, sani e forti. L’eugenetica in Italia (Bollati Boringhieri, 2006); «La difesa della razza». Politica, ideologia e immagine del razzismo fascista (Einaudi, 2008); Le due scienze. Il caso Lysenko in Italia (Bollati Boringhieri, 2008). È curatore, con Claudio Pogliano, dell’Annale della Storia d’Italia Einaudi su Scienze e cultura dell’Italia unita (2011).

Recensioni
Giovanni Cerro, L'Osservatore romano, 28/09/2013

In cerca dell'Italia intelligente

Gaspare Polizzi, Left, 28/09/2013

L'età d'oro della ricerca

Gilberto Corbellini, Il Sole 24 ore, 16/06/2013

Il fatale triennio che uccise il boom