Responsive image
Walter Tocci

Sulle orme del gambero

Ragioni e passioni della sinistra

Saggine, n. 225
2013, pp. VI-266

ISBN: 9788860368409
€ 18,50 -15% € 15,72
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello € 15,72
Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist
Altre edizioni
Scheda libro

«La sinistra poteva cambiare il paese e non c’è riuscita. Abbiamo avuto la grande occasione della nostra vita politica e l’abbiamo mancata. Bisogna raccontare la storia a ritroso per capire le cause vicine e lontane dell’insuccesso della nostra generazione. Bisogna andare indietro sulle orme del gambero per scovare sotto le pietre le cause delle sconfitte. Solo così si prendono le decisioni che ribaltano le pietre. C’è un riconoscimento da elaborare, prima di tornare a vincere».

Il 19 aprile 2013 è la data che ha segnato il collasso della classe dirigente di centrosinistra in occasione delle elezioni per il presidente della Repubblica. Da quel punto – ancora dolente – prende le mosse questo libro, scritto con dichiarata passione militante: una storia al contrario, sulle orme del gambero, per cercare nel passato vicino e lontano le ragioni degli affanni di oggi. Con l’obiettivo di trovare nuove energie nella lotta. Con la volontà di tornare a vincere. Lo sguardo sulla vicenda della sinistra italiana è severo e autocritico: la speranza è che i giovani militanti della sinistra sappiano fare meglio della generazione che ancora si trova nelle postazioni di comando, pur avendo subito pesanti sconfitte. Di queste si cerca la radice nelle diverse tradizioni culturali della sinistra italiana e in particolare in quella comunista, per la quale si risale fino agli anni sessanta. Non aver superato criticamente tutte le tradizioni, non aver saputo prendere il meglio lasciando cadere le zavorre, ha appesantito il bagaglio. Si è persa così la grande occasione dell’Ulivo che poteva diventare la forza vincente e plurale. E non si è saputo impedire che un personaggio inaudito prendesse la guida del paese portandolo fuori strada. E tuttavia non sono stati solo limiti soggettivi. Si è dovuto combattere, nel frattempo, contro un ciclo della storia mondiale che ha conosciuto il grande Inganno del cosiddetto «trentennio liberista»; e l’Inganno è destinato a durare ancora, fino a quando non sorgerà un’alternativa politica, un nuovo pensiero, una positiva critica di civiltà. Provare a vedere il mondo a rovescio, esercitandosi a ribaltare le politiche dominanti, è l’unica postura che consente di progettare le vere riforme, quelle che cambiano la vita delle persone. Per fare le riforme, però, occorre trovare l’energia nelle forze vive della società. Non è vero che viviamo un tempo senza domanda di politica; le energie nuove sono tante, solo che si muovono in forme diverse dal passato. Ci vuole uno sguardo nuovo per incontrarle. E invece, spesso si classifica come antipolitica tutto ciò che non rientra nelle vecchie categorie; si continua a inveire contro il populismo dimenticando che il problema principale della sinistra è proprio aver perduto il contatto col popolo. Il politico appassionato, il militante di lungo corso della sinistra, si confronta così con le domande di senso, coi temi teorici che l’esperienza sollecita e impone: in una sorta di continua tensione tra la civetta hegeliana che si alza in volo per comprendere ciò che è già stato e la sentinella di Isaia che deve ancora annunciare la fine della notte.

Autore

Walter Tocci

Walter Tocci è senatore della Repubblica. Nella sua qualità di membro della Commissione parlamentare per l’Istruzione ha partecipato – in posizione di primo piano e in dialettica con la maggioranza del suo partito – alla discussione sulla legge per la scuola del governo Renzi. È stato vicesindaco di Roma e assessore alla Mobilità. Ha accompagnato il lungo impegno politico con una produzione culturale che riguarda le politiche urbane, i temi politico-istituzionali e la cultura scientifica.

Recensioni
Francesco Marchianò, Rassegna Sindacale n.45, 10/12/2013

L’ossessione del centro

Daniela Preziosi, Il Manifesto, 08/12/2013

L'ultima Bolognina

Giovanni Santambrogio, Il Sole 24 ore, 25/11/2013

Renzi, Cuperlo e Civati, quando la sinistra finisce in fuorigioco

Paolo Franchi, Corriere della Sera, 15/11/2013

Pci, 1966: l’errore di non scegliere nel duello tra Ingrao e Amendola

Francesco Marchianò, Huffington Post, 12/11/2013

Un viaggio all'indietro alla ricerca degli errori della Sinistra

Daniela Preziosi, Il Manifesto, 10/11/2013

Il no del Professore al suo Pd Frankestein

Rocco Di Blasi, Il Salvagente, 17/10/2013

Il Pd e la sindrome dell’isola di Pasqua

Walter Tocci, L'Unità, 02/10/2013

A un giovane militante