Responsive image
Edward STREETER

Il padre della sposa

Con 54 disegni di Gluyas Williams. Traduzione di Marianna Matullo

meledonzelli
2012, pp. 218

ISBN: 9788860367518
€ 17,00 -5% € 16,15
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello € 16,15
Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist
Scheda libro

Povero Mr. Banks! Non ha ancora fatto in tempo a capire che la sua amata Kay è in età da marito, che si ritrova per casa il promesso sposo. Ma che tipo sarà mai? Da dove viene? E soprattutto, sarà all’altezza della sua Kay? Una temperie di sentimenti sconquassa il suo animo – orgoglio, gelosie, timori, nostalgie – quand’ecco che l’inesorabile turbine dei preparativi della cerimonia si abbatte impietoso sulla sua tranquilla routine. A tappe forzate, Mr. Banks si vedrà trascinato dall’entusiastica moglie nella trafila del tipico matrimonio medio-borghese – la conoscenza dei consuoceri, le liste d’invitati da sforbiciare, le partecipazioni da mandare, i conti da saldare, il diluvio dei regali per casa, e poi l’abito della sposa, le prove in chiesa… Un vero incubo, a cui Mr. Banks proverà fino all’ultimo a sottrarsi ricorrendo a un disperato sotterfugio: alla vigilia delle nozze, offre di nascosto ai promessi sposi 1500 dollari purché scappino e vadano a sposarsi da soli e lontano da casa. Niente da fare, neppure così riuscirà a sfuggire alle peripezie che lo attendono in quanto padre della sposa. Un romanzo esilarante che dosa sapientemente ironia e tenerezza, e mette argutamente a nudo i tic e le manie della tipica famiglia media americana (e non solo) alle prese con un rito senza tempo né confini. Ecco perché, tra il 1949 e il 1950, Il padre della sposa divenne per ben due volte un caso: dapprima letterario, scalando in poche settimane la classifica dei best seller, e subito dopo ai botteghini del cinema, grazie a Vincente Minnelli che ne fece una delle sue più brillanti commedie, affidandosi all’interpretazione di uno Spencer Tracy da Oscar e di una giovanissima Liz Taylor. Come se non bastasse, il celebre papà continuò a flirtare col grande schermo, prendendo i panni di Steve Martin nel popolarissimo remake del 1991. Motivo in più per riscoprirlo oggi, intatto nel suo smalto e nella sua verve e arricchito da un imperdibile contrappunto: le illustrazioni di Gluyas Williams, uno dei maggiori talenti del «New Yorker», che firmò la prima edizione del romanzo di Streeter contribuendo al suo clamoroso successo.

Autori

Edward Streeter

Edward Streeter (1891-1976) cominciò la sua carriera come reporter del «Buffalo Express», sulle cui colonne conobbe il suo primo successo con una serie di finte lettere dal fronte della prima guerra mondiale di un soldato semi-analfabeta. Ma la sua fama esplose nel 1949 col clamoroso successo de Il padre della sposa, cui seguirono altri sei romanzi, alcuni dei quali passati anch’essi sul grande schermo.

Gluyas Williams

Gluyas Williams (1888-1982) è stato uno dei più popolari cartoonist americani del Novecento. Nato a San Francisco, nel 1911 si laureò a Harvard e in pochi anni cominciò a collaborare con le principali riviste dell’epoca, da «Life Magazine» a «Century» e soprattutto al «New Yorker», di cui divenne una delle firme più prestigiose.

Recensioni
Emiliano Morreale, La Repubblica, 15/01/2013

Non solo "Zia Mame". Tornano gli anni '50

Alessandra Stoppini, www.ilrecensore.it, 02/11/2012

America. Anni Cinquanta

Elisabetta Bolondi, www.sololibri.net, 19/10/2012

63 anni, ma non li dimostra!

Lara Crinò, Il Venerdì, 12/10/2012

Torna la regina delle commedie con i disegni originali

Girasonia 76, Cuore d'inchiostro, 27/09/2012

Avvistamento: Il padre della sposa di Edward Streeter