Responsive image
Romano Benini

Italia cortigiana

Passato e presente di un modello di potere

Saggi. Storia e scienze sociali
2012, pp. XII-260

ISBN: 9788860366924
€ 25,00 -5% € 23,75
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello € 23,75
Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist
Scheda libro

Esiste da sempre in Italia, dai tempi della Roma dei Cesari e dei papi, un modello politico, sociale ed economico basato su clientele e corruzione, ingiusto e parassitario, che ancora oggi ostacola l’Italia del lavoro e delle competenze, del «saper fare» e della laboriosità dei nostri territori: è il sistema che si sviluppa nel rapporto tra patrono e cliente, che determina forme di dipendenza e che ostacola la capacità d’agire. Questo è il modello cortigiano del potere. È un vizio antico, in cui gli italiani si rifugiano soprattutto nei periodi di decadenza, e che anche ai giorni nostri costituisce il principale scoglio per lo sviluppo. Italia cortigiana racconta la storia secolare del carattere cortigiano del potere italiano, valutando l’efficacia dei diversi sistemi di organizzazione della politica e dell’economia rispetto al criterio del merito, dell’onestà e della professionalità, e offre alcune indicazioni su come superare i limiti del sistema cortigiano e i suoi condizionamenti, per affermare pienamente, nella società e nell’economia, l’autonomia e il valore delle persone. Un confronto che prende spunto da tre precise fasi della storia italiana, in cui in diversi modi lo stile cortigiano del potere è prevalso attraverso clientele, caste e privilegi che hanno determinato un degrado culturale, sociale ed economico. Si tratta della Roma imperiale, della Roma rinascimentale e della Roma dei giorni nostri. Una vicenda che parte dalla capitale, città nata come sede del potere, per estendersi all’Italia intera. Dall’organizzazione del consenso alle tasse, dalla rappresentanza politica al ruolo della donna, dalla funzione delle clientele al sistema delle raccomandazioni: un affresco storico interessante da cui emergono i motivi e le origini di molti dei comportamenti dell’attuale ceto politico e della crisi che investe l’Italia. Perché i popoli che dimenticano la propria storia sono condannati a ripeterla.

Autore

Romano Benini

Romano Benini è docente di Italian Fashion Industries presso l’Università La Sapienza di Roma e professore straordinario di Sociologia economica e del welfare presso la Link Campus University di Roma. Giornalista economico, è autore e conduttore dei principali programmi di comunicazione televisiva dedicati ai temi del lavoro: Okkupati, in onda dal 1998 al 2011, e Il posto giusto, in onda dal 2014, entrambi su Rai3. Per Donzelli è autore, tra l’altro, di Saper fare (2010); Italia cortigiana (2012); Destini e declini (2015) e Lo stile italiano (2018).

Recensioni
Rinaldo Rinaldi, L'Indice, 01/11/2012

Ritrono ai principi dell'Umanesino italiano

Corrado Augias, Il Venerdì, 12/10/2012

Dalla Roma dei Cesari a oggi, l'Italia è sempre cortigiana

Renato Minore, Il Messaggero, 11/09/2012

Italia, storica patria della vil razza dannata

Salamone Rosario, Corriere della Sera, 23/04/2012

Cortigiani, almeno una volta leggevano

Redazione, Il Salvagente, 19/04/2012

La corruzione, un vizio immorale e immortale

Sergio Caroli, L'Eco di Bergamo, 14/04/2012

Il clientelismo è storia antica

Elisabetta Galeffi, www.informArezzo.com, 02/04/2012

Italia cortigiana

Stefania Nardini, www.corrierenazionale.it, 02/04/2012

Storia di un paese fondato sull'illecito e sull'abuso

Massimiliano Panarari, Il Venerdì, 30/03/2012

Del potere cortigiano