Responsive image
Edgar Rice Burroughs. Illustrazioni di Burne Hogarth

Tarzan

Racconti della giungla

con 22 tavole di illustrazioni di Burne Hogarth. Traduzione di Nello Giugliano

Fiabe e storie
2012, pp. X-272, rilegato, con illustrazioni a colori nel testo

ISBN: 9788860366740
€ 24,00 -5% € 22,80
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello € 22,80
Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist
Scheda libro

«Tra morsi, graffi e ringhi, i due rotolarono a terra. Il gorilla ormai era ebbro di una folle rabbia. Alla fine Tarzan riuscì a liberarsi: i grandi muscoli si tesero e si gonfiarono sotto la pelle liscia quando con ogni grammo della sua grande forza si tolse di dosso il pesante animale».

Un lord che non sa di essere tale, cresciuto nella giungla e allevato dalle scimmie, di cui diverrà il signore incontrastato: è questo il personaggio uscito cent’anni fa dalla mente di un quarantenne passato per mille mestieri e approdato quasi per caso alla scrittura. Edgar Rice Burroughs, infatti, prima di toccare le vette del successo con Tarzan, combatteva la noia fantasticando avventure ed era riuscito a pubblicarne solo una sulla rivista pulp «The All-Story». Quella prima prova ebbe un buon esito, ma fu Tarzan a cambiare la vita di Burroughs: dal primo racconto uscito nel 1912 il signore delle scimmie sarà protagonista di numerosi sequel, e di un’infinità di adattamenti per i fumetti e il cinema. E se, di episodio in episodio, arriveremo persino a vedere il nostro eroe indossare le pantofole e diventare un ingrigito padre di famiglia, non c’è dubbio che il vero spirito dell’uomo scimmia si manifesti nelle sue avventure giovanili, in questi dodici racconti in cui vitalità, coraggio, sagacia e vigore trovano la massima espressione. Uscite in volume nel 1919, sono queste le storie che ci narrano il primo Tarzan, quando, adolescente, scopre i turbamenti e gli imbarazzi dell’amore… per una scimmia, appunto, la compagna di giochi Teeka; oppure quando, rapito da una tribù di cannibali, viene liberato da Tantor, l’elefante, di cui ha conquistato la fiducia. E in queste pagine troviamo anche un Tarzan che si interroga su Dio, o sulla natura dei sogni, sulla differenza tra sogno e realtà. Dodici plot perfetti, i preferiti dai riadattamenti a fumetti, proprio per la loro efficacia narrativa e la forza immaginifica. Non a caso, ad accompagnare il testo in questa edizione sono alcune delle più belle tavole create da un talento insuperato del fumetto americano, Burne Hogarth. Con un tratto capace di insinuarsi nei più piccoli dettagli delle forme della natura, Hogarth ha saputo ricreare il mondo rigoglioso e palpitante della giungla, sul quale la fisicità di Tarzan si staglia in tutta la sua grandezza e potenza.

Autori

Edgar Rice Burroughs

Edgar Rice Bu rroughs (1875-1950), autore tra i più popolari del Novecento americano, tanto da dar vita a una casa editrice unicamente dedicata alla pubblicazione delle sue storie, deve l’esplodere della sua fama mondiale alla creazione del personaggio di Tarzan, protagonista di ben 24 romanzi e innumerevoli versioni cinematografiche e a fumetti. La prima comparsa dell’uomo scimmia risale al 1912, nella popolarissima rivista pulp «All-Story Magazine», di cui Burroughs fece per anni la fortuna. E fu sulla stessa rivista che pubblicò inizialmente a puntate anche il primo ciclo di storie di fantascienza il cui successo fu immediato: quello di Marte, con le avventure dell’invincibile John Carter. Col romanzo The Monster Men, pubblicato per la prima volta nel 1929 – e mai finora tradotto in italiano –, Burroughs s’introduce a pieno titolo in un filone intramontabile, che dal Frankenstein di Mary Shelley porta fino agli androidi di Philip K. Dick, passando per Dottor Jekyll e Mister Hyde.

Burne Hogarth

Burne Hogarth (1911-1996) è stato uno dei più importanti illustratori americani, e colui che, subentrato ad Hal Foster nella realizzazione dei fumetti tratti dalle storie di Tarzan, li ha resi celebri in tutto il mondo. Le sue strisce domenicali dedicate al signore della giungla cominciarono a uscire nel 1937 e andarono avanti a più riprese fino al 1950. Nel 1972 (Tarzan delle scimmie) e nel 1976 (Racconti della giungla), dopo oltre vent’anni, Hogarth tornò sulle orme di Tarzan per dedicargli due celeberrimi volumi in grande formato considerati i capostipiti del graphic novel.

Recensioni
Luca Crovi, Il Giornale, 24/07/2012

Tarzan compie cent'anni e rivela tutti i suoi segreti

Francesca Mossa, Il Salvagente, 03/05/2012

Storie di avventura

Gianni Brunoro, Fumo di China, 01/04/2012

Tarzan

Redazione, Internazionale, 16/03/2012

Tarzan illustrato

Caterina Ricciardi, Alias - Il Manifesto, 04/03/2012

Le storie di Tarzan tra colonialismo, Eden e rami liberty di Hogarth

Arianna Di Genova, Il Manifesto, 01/03/2012

Nella giungla con Tarzan

Sara Antonelli, L'Unità, 27/02/2012

Tarzan, eroe in perizoma

Tiziana Lo Porto, D Donna di Repubblica, 25/02/2012

Cita, chi era costui?

Stefano Malatesta, La Repubblica, 19/02/2012

Tarzan L'uomo scimmia