Responsive image
Vladimir Radunsky

Vestiario/Bestiario

Abiti per animali dalla collezione di Vladimir Radunsky con i suoi appunti e i suoi disegni

Con una lettera di Juan-Rafael, coniglio-sarto boliviano e una nota di Mikhail Baryshnikov, ballerino, amico degli animali. Traduzione di Bianca Lazzaro.

Fiabe e storie (album)
2011, pp. 24, con disegni a colori nel testo, 23x33 cm

ISBN: 9788860366726
€ 16,00 -15% € 13,60
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello € 13,60
Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist
Scheda libro

«Prima del mio viaggio in Bolivia, non sapevo che laggiù tuttii conigli fossero sarti. Quando una mia amica, una certa Anaconda, ha deciso di sposarsi, dodici dei migliori conigli-sarti del paese hanno lavorato giorno e notte per confezionare il suo abito da sposa!»

dal diario di viaggio di Vladimir Radunsky, viaggiatore, collezionista e amico degli animali.

Le pantofole di seta di Babar, il Re degli Elefanti, la cravatta di Chuck la Giraffa, l’abito da sposa con tanto di strascico di Matilda l’Anaconda, la livrea di astrakan del Piccione portiere dell’Hotel Ritz di Parigi… Ma allora è proprio vero che gli animali vanno in giro vestiti come noi umani! Non è solo un’invenzione dei libri per bambini! A giudicare dalla stramba e rara collezione di Radunsky, un bizzarro giramondo che rimbalza da Parigi a Londra, dalla Bolivia alla savana, dal Congo a Madras, per far visita ai suoi amici animali, si direbbe proprio di sì. Di ritorno da ogni viaggio, infatti, Radunsky ha riportato a casa un capo di vestiario che i suoi amici gli hanno regalato o che hanno scordato qua e là, e che lui ha raccattato, per via di quella sua mania di collezionare. Ecco perché ogni pezzo della collezione ha una sua storia, spesso stramba, che Radunsky ha appuntato nel suo taccuino di viaggio. Sapeste quante cose curiose si possono scoprire sfogliando quel taccuino… per esempio che la giungla boliviana è piena di conigli sarti, dodici dei quali hanno lavorato giorno e notte per cucire quel vestito dell’Anaconda; oppure che i portieri in livrea del Ritz di Parigi non sono altro che piccioni ex-colonnelli dello Zar di tutte le Russie; e poi ancora, che Arthur, quello sbadato del cugino di Babar, s’è perso il cappello alla marinaretta a Port Marcel, quando si è imbarcato per Zanzibar… Insomma, se ancora non ci credete che da che mondo è mondo, gli animali indossano bei vestiti come noi, vi basterà sfogliare gli appunti, le foto e gli schizzi di Radunsky il collezionista per cambiare idea! Il gioco e la finzione su cui Vladimir Radunsky costruisce il suo nuovo libro è un omaggio alla secolare tradizione dei libri illustrati per ragazzi, inaugurata da Grandville e onorata da centinaia di grandi artisti e illustratori: quella di vestire gli animali come gli uomini.

Autore

Vladimir Radunsky

Vladimir Radunsky, artista russo naturalizzato americano che vive tra New York e Roma, ha pubblicato più di una trentina di libri per l’infanzia, tradotti in una decina di lingue. Tra i numerosi premi, vinti negli Stati Uniti e in Europa, quello di Best Illustrated Book of the Year dalla «New York Times Book Review». Alcuni dei suoi titoli figurano nella lista dei best seller del «New York Times». Autore raffinato, Radunsky ha portato nei libri illustrati anche i versi delle avanguardie poetiche russe degli anni venti e del Premio Nobel Josif Brodskij, così come le ballate di Woody Guthrie.

Recensioni
Redazione, Avvenire, 12/01/2012

Anaconda in pizzo bianco

Redazione, Gavroche, 17/12/2011

L'avvento dei libri. Bestiario

Lucia Catania, Il Salvagente, 17/11/2011

Tutti i sarti.....

Paola Polidoro, www.romagiornoenotte.it, 09/11/2011

Vestiario/Bestiario, il guardaroba fantastico degli animali

Fiorella Iannucci, Il Messaggero, 03/11/2011

Radunsky, abiti di animali immaginari