Responsive image
Carl Schrade

Il veterano

Undici anni nei campi di concentramento (1934-1945)

Presentazione e note di Fabrice d' Almeida. Traduzione di David Scaffei. Prefazione all'edizione italiana di Alessandro Portelli

Saggi. Storia e scienze sociali
2011, pp. XXVIII-196

ISBN: 9788860366580
€ 23,00 -5% € 21,85
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello € 21,85
Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist
Scheda libro

Arrestato nel 1934 all’uscita di un caffè berlinese per aver pronunciato alcune frasi critiche sul regime hitleriano, il giovane commerciante svizzero Carl Schrade diventerà un «veterano» dei campi di concentramento nazisti, trascorrendovi undici anni della sua vita e passando per una impressionante, penosa serie di luoghi, dai nomi tristemente noti: Lichtenburg, Esterwegen, Sachsenhausen, Buchenwald, Flossenbürg. Dopo la liberazione e il processo di Dachau, nel quale si troverà a testimoniare contro i responsabili delle atrocità cui aveva assistito, in particolare quelle commesse ai danni dei malati da parte dei medici nazisti, Schrade comincia a trasferire sulla carta i suoi terribili ricordi. Questo incredibile documento, affidato all’amico Jehan Knall-Demars, figura storica della Resistenza francese, che ospitò Schrade nella sua casa di Nizza, resterà sepolto per settant’anni, prima di vedere la luce oggi, diventando in Francia un vero e proprio caso editoriale. Il veterano è una testimonianza unica: Schrade segue fin dall’origine la lunga evoluzione del sistema concentrazionario, osservando in tutte le sue fasi il cambiamento nella logica dei campi e nella provenienza dei prigionieri e degli internati. Lavori logoranti, umiliazioni, violenze gratuite, malattie, epidemie, rapporti umani retti nella maggior parte dei casi dalla negazione dell’umanità stessa: la radiografia di Schrade non risparmia niente. Come osserva acutamente Alessandro Portelli nella sua prefazione, la scrittura di Schrade, incredibilmente precisa e lucida, conserva una rara capacità di riconoscere anche nelle vittime gli effetti del degrado e della corruzione: a sottolineare come «il rischio di essere aguzzini o complici è parte di noi in quanto esseri umani».

Autore

Carl Schrade

Carl Schrade nasce nel 1896 a Zurigo. Dopo la prima guerra mondiale intraprende l’attività di commerciante, e spesso si reca in Germania per lavoro. È qui che una sera, in un locale berlinese, si lascia andare a una critica del regime nazista. Verrà arrestato e da quel momento inizierà la sua odissea, fino alla liberazione. Nel 1946 testimonia nel processo di Dachau contro il medico nazistaHeinrich Schmitz, responsabile di terribili crimini nell’ospedale del campo di Flossenbürg, dove Schrade aveva lavorato mettendo a rischio la propria vita per salvare prigionieri e malati. Il ritorno in Svizzera non sarà facile, e Schrade troverà rifugio in Francia, presso gli amici con cui aveva condiviso gli anni di internamento. Schrade muore nel 1974 dopo una lunga malattia.

Recensioni
E.F., L'Indice n.6, 01/06/2012

Undici anni nei campi di concentramento

Marco Scipolo, AgoraVox, 27/01/2012

Un libro per la Giornata della Memoria

Redazione, Il Salvagente, 24/11/2011

Un inedito dai campi di concentramento

Seia Montanelli, Corriere Nazionale, 04/11/2011

11 anni nei campi di concentramento e 70 di silenzio

Francesco Musolino, www.tempostretto.it, 03/11/2011

Il Veterano di Carl Schrade in uscita per Donzelli

Carl Schrade, L'Unità, 03/11/2011

I miei durissimi 11 anni nei campi di concentramento