Responsive image
Guido Crainz

Autobiografia di una Repubblica

Le radici dell'Italia attuale

Saggine, n. 150
2009, pp. 256, Formato e-pub

ISBN: 9788860366023
€ 10,99
Acquista da Acquista da Acquista da
Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist
Scheda libro

Dove affonda le sue radici l’Italia di oggi? Viviamo in una fase di transizione, o si è delineato sotto i nostri occhi un approdo non effimero della vicenda repubblicana? E dove cercare le ragioni e le cause di questo approdo: in un astorico «carattere nazionale» o nel lungo confliggere di modi diversi di «essere italiani»? E più ancora, il consolidarsi della leadership di Silvio Berlusconi è il frutto di una eccezionale congiuntura o l’esito di quel lungo confliggere? Va attribuito solo alla crisi di un sistema politico, all’inadeguatezza delle altre proposte, alla potenza dei media, al fascino di un populismo di nuovo conio, o esprime culture e comportamenti che si sono largamente affermati in un lungo e contrastato processo? GuidoCrainz cerca le risposte a queste e ad altre domande non in vizi plurisecolari del Paese ma nella storia concreta della Repubblica, muovendo dall’eredità del fascismo, dalla nascita della «repubblica dei partiti» e dagli anni della guerra fredda. L’analisi si sofferma soprattutto sulla «grande trasformazione» che ha inizio negli anni del «miracolo» e prosegue poi nei decenni successivi: con la sua forza dirompente, con le sue contraddizioni profonde, con le tensioni che innesca. In assenza di un governo reale di quella trasformazione, e nel fallimento dei progetti che tentavano di dare ad essa orientamento e regole, si delinea una «mutazione antropologica»destinata a durare. Essa non è scalfita dalle controtendenze pur presenti – di cui il ’68 è fragile e contraddittoria espressione – e prende nuovo vigore negli anni ottanta, dopo il tunnel degli anni di piombo e il primo annuncio di una degenerazione profonda. «Mutazione antropologica» e crisi del «Palazzo» – per dirla con Pier Paolo Pasolini – vengono così a fondersi: in questo quadro esplode la crisi radicale dei primi anni novanta, di cui il tumultuoso affermarsi della Lega e l’esplosione di Tangentopoli sono solo un sintomo. Iniziò in quella fase un radicale interrogarsi sulle origini e la natura della crisi, presto interrotto dalle speranze in una salvifica «Seconda Repubblica»: speranze destinate a lasciare presto un retrogusto amaro. Non prese corpo allora un’alternativa credibile, capace di dare uno sbocco reale a tendenze ed energie pur presenti, di arginare le derive e di ravvivare responsabilità civili. Comprendere appieno questi processi e le loro conseguenze è condizione necessaria – sostiene Crainz – per misurarsi con un’Italia che è destinata a durare.

Autore

Guido Crainz

Guido Crainz, già docente di Storia contemporanea all’Università di Teramo e commentatore del quotidiano «la Repubblica», per i tipi della Donzelli ha pubblicato fra l’altro Storia della Repubblica. L’Italia dalla Liberazione ad oggi (2015).

Recensioni
Claudio Vercelli, Il Manifesto, 07/09/2010

Indagine sulle origini della attuale decadenza italiana

Michele Serra, La Repubblica, 16/07/2010

L'amaca

Redazione, Notiziario CDP, 01/04/2010

Le radici dell'Italia di oggi

Carlo Vallauri, Publius, 01/02/2010

Analisi di "Autobiografia di una repubblica"

Nicola Lagioia, Lo Straniero, 08/01/2010

L'Italia cieca

Gianluca Scroccu, L'Unione sarda.it, 23/12/2009

La privatizzazione della Repubblica: viaggio negli anni '80

Donatella Coccoli, Left, 18/12/2009

La caduta di un Paese

Pierluigi Battista, Corriere della Sera, 22/11/2009

1980: L' anno del Riflusso ci ha reso moderni

Pasquale Chessa, Panorama, 09/10/2009

Autobiografia di una Repubblica

Eugenio Scalfari, La Repubblica, 27/09/2009

La memoria del passato e la speranza del futuro

Simonetta Fiori, La Repubblica, 24/09/2009

Alle radici dei MALI ITALIANI