Responsive image
Giuliana Giulietti

Proust e Monet

I più begli occhi del XX secolo

Saggine, n. 175
2011, pp. XIV-162

ISBN: 9788860365859
€ 17,00 -5% € 16,15
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello € 16,15
Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist
Scheda libro

«Proust condivideva con Monet l’idea che l’impressione è la materia prima dell’opera d’arte, ciò da cui è necessario partire per decifrare e dare espressione al rapporto di ciascun artista con l’universo in cui vive: il cielo, la terra, le acque, gli esseri e le cose».

Il ruolo decisivo di Claude Monet nella formazione estetica di Marcel Proust e i punti di contatto tra le loro poetiche: ecco l’itinerario lungo il quale l’autrice di queste pagine ci accompagna, ripercorrendo le tappe più significative dei due percorsi creativi – dall’incompiuto Colazione sull’erba del giovane Monet all’incompiuto Jean Santeuil del giovane Proust, sino ai loro massimi capolavori, Le grandi decorazioni dell’Orangerie di Parigi e Alla ricerca del tempo perduto. Scopriamo così che l’elaborazione dei grandi temi proustiani – il tempo, l’oblio, la memoria involontaria – si è costantemente intrecciata alle meditazioni dello scrittore sulla pittura di Monet, dai primi dipinti impressionisti all’invenzione delle «serie», in particolare quelle delle Cattedrali, dei Mattini sulla Senna, delle Ninfee. Con straordinaria acutezza e in ragione di profonde affinità, Proust intuiva che il vero «soggetto» di quelle serie meravigliose, che lui vedeva trascorrere da una tela all’altra, era il tempo, il tempo «sovrano reggitore e regolatore della nostra vita e dell’universo», che nel suo flusso nascosto trasporta in un perenne andirivieni, dal nulla verso il nulla, esseri e cose. Consapevole di quanto effimero fosse lo splendore dell’attimo che subito si spenge, Monet cercava con le «serie» di vincere – attraverso la durata – la caducità e l’oscura morte che l’accompagna. Dunque, per Monet come per Proust, l’opera d’arte diventa il luogo in cui fissare «una realtà che sta per lasciarci per sempre» e per ritrovare, nel felice presente della creazione, il tempo perduto.

Autore

Giuliana Giulietti

Giuliana Giulietti è nata e vive a Livorno. Insegnante e bibliotecaria, ha collaborato per diversi anni come giornalista alle pagine culturali del quotidiano «Il Tirreno». Insieme aMariolina Bertini, Vincenzo Farinella e Albarosa Lenzi Barontini, ha pubblicato nel 2006 il volume Intorno a Marcel Proust: musica, pittura, letteratura.

Recensioni
Anna Isabella Squarzina, L'Indice n. 9, 01/09/2011

Con gli occhi di un altro

Daria Galateria, La Repubblica, 20/08/2011

Monet e Proust coppia a colori

Redazione, Il Foglio, 08/07/2011

Libri: Proust e Monet

Stefano Manferlotti, Il Venerdì, 17/06/2011

Proust e i quadri di Monet

Luigia Sorrentino, Rai News 24, 14/06/2011

Il ruolo di Monet nella formazione estetica di Proust

Redazione, Internazionale, 12/05/2011

Proust e Monet