Responsive image
Michele Mezza

Sono le news, bellezza!

Vincitori e vinti nella guerra della velocità digitale

Prefazione di Derrick de Kerckhove. Postfazione di Pier Luigi Celli

Interventi
2011, pp. XIV-194

ISBN: 9788860365507
€ 18,00 -5% € 17,10
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello € 17,10
Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist
Scheda libro

Con un occhio rivolto a Google e l’altro a Marx, l’autore analizza il mondo dell’informazione guardando agli sconquassi del mercato editoriale internazionale, per individuare perdenti e vincenti di una guerra che sta selezionando la specie del giornalismo. Il brulicare di infiniti produttori di comunicazione al tempo dei social network comporta una mutazione professionale del profilo del giornalista: non più disvelatore esclusivo della notizia, ma selezionatore, decifratore, e soprattutto coproduttore dei nuovi sistemi intelligenti che tendono sempre più a sostituirsi alla meccanica redazionale. Nel centenario della nascita di Marshall McLuhan – come spiega nella prefazione Derrick de Kerckhove, già direttore del McLuhan Center di Toronto e riconosciuto erede del fondatore della mass-mediologia moderna – si conferma l’intuizione del computer come protesi del cervello umano, che disintermedia le funzioni delegate. Convinto che questa sia più una chance che una iattura, Michele Mezza – giornalista di lungo corso e ideatore di Rai News 24 – prova a delineare la figura di un nuovo mediatore, capace di governare le potenze tecnologiche, di declinare linguaggi sociali, di dare un’anima all’informatizzazione della vita, a patto di bruciare ogni nostalgia e conservatorismo. Con la convinzione, condivisa da Pier Luigi Celli – in passato direttore generale della Rai e oggi direttore della Luiss di Roma –, che i tempi siano ormai maturi per una svolta radicale. Ne sortisce una concreta proposta alternativa di giornalismo, che prefigura filiere produttive, soluzioni editoriali, organizzazioni redazionali capaci di dare al sistema Italia l’ambizione di non essere solo magazzino o retrobottega di una comunicazione «importata». Il messaggio è che il giornalismo ha un grande futuro, oltre che un passato, e che i giornalisti devono rimettersi in gioco con la certezza che l’informazione digitale è un’impresa culturale troppo importante per lasciarla solo ai giornalisti. Ma che diventa impossibile senza di loro.

Autore

Michele Mezza

Michele Mezza, giornalista per quarant’anni in Rai, dove è stato inviato all’estero, in particolare nell’Urss di Gorbačëv e nella Cina di Tienanmen. Successivamente, come responsabile di progetti tecnologici, ha partecipato alla riorganizzazione dei Gr. Ha ideato e sviluppato il progetto RaiNews24. Insegna ora alla Federico II di Napoli, ed è parte del gruppo di lavoro dell’Ordine dei giornalisti sull’automatizzazione della professione. È autore di numerose pubblicazioni, fra cui, per i tipi della Donzelli, di Avevamo la luna (2013) e Algoritmi di libertà (2018).

Recensioni
Redazione, L'Unità, 13/02/2011

La guerra digitale

Marco Giovannelli, VareseNews, 12/02/2011

Nella rete vincono i nani

Tonino Ferro, www.ildenaro.it, 10/02/2011

Giornalismo, Mezza :l'era della sesta W

Redazione, IGN - Adnkronos.com, 08/02/2011

Il mondo dell'informazione nell'era dei social network

Redazione, Key4biz, 01/02/2011

Notizie su Michele Mezza

Redazione, Il Sole 24 ore, 13/01/2011

Nani e giganti dell'informazione

Redazione, www.innovtorieuropei.com, 08/01/2011

Sono le news, bellezza!