Responsive image
Marco Pivato

Il miracolo scippato

Le quattro occasioni sprecate della scienza italiana negli anni sessanta

Virgola, n. 73
2011, pp. VIII-200

ISBN: 9788860365422
€ 18,00
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello € 18,00
Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist
Scheda libro

Agli inizi degli anni sessanta, l’Italia vantava alcuni poli di eccellenza scientifico-tecnologici che il mondo le invidiava in quattro settori strategici: informatico, petrolifero, nucleare, medico. Oggi, in pieno terzo millennio, è il fanalino di coda tra i paesi più sviluppati proprio per scarsità d’innovazione e ricerca. Perché? Un libro inchiesta ricostruisce per la prima volta la storia di quattro casi emblematici del modello di sviluppo avviato e smantellato in quegli anni a tempo di record, evidenziando il filo rosso che li lega e che spiega perché ciascuna di quelle esperienze è fallita. Il caso Olivetti, il caso Mattei, il caso Ippolito e il caso Marotta, vale a dire nascita e morte della rivoluzione informatica che ha portato alla progettazione del primo pc e dei primi microprocessori del mondo; inizio e fine dell’autonomia energetica del paese, oltre che della competizione col monopolio angloamericano del petrolio; soppressione del Cnen, che ci aveva portato al terzo posto per produzione di energia elettrica di origine nucleare; decapitazione dell’Istituto superiore di sanità, che fece dell’Italia uno dei primi tre produttori di penicillina grazie anche all’invenzione del microscopio elettronico. Quattro incubatrici di un modello di sviluppo economico e sociale basato sulla ricerca scientifica, gettate alle ortiche tra le faide politiche interne e le pressioni e i sabotaggi internazionali in piena guerra fredda. Attraverso la cronaca, la stampa, la letteratura, e una serie di interviste a testimoni diretti e a esperti, il libro offre un angolo visuale tutto nuovo da cui guardare alle radici del declino attuale.

Autore

Marco Pivato

Marco Pivato, studi classici, di formazione chimico farmaceutico, dopo il master in Comunicazione della scienza presso la Scuola internazionale superiore di studi avanzati di Trieste, è tornato al giornalismo, fondando un’agenzia privata di comunicazione. Collabora con il supplemento «Tuttoscienze & Salute» de «La Stampa» e riviste specialistiche. È socio dell’Unione giornalisti italiani scientifici.

Recensioni
fr.fa., La Sentinella del Canavese, 12/01/2012

Alice Fumero traduce nella stagione Kite, BioIndustry Park

Marcello De Cecco, L'Indice n. 9, 01/09/2011

Un modello di sviluppo assassinato

Gilberto Corbellini, Il Sole 24 ore, 17/04/2011

Così ci uccisero il futuro

Roberto I. Zanini, Avvenire, 07/04/2011

Italia, "sprecona" scientifica

Redazione, National Geographic Italia, 01/04/2011

Occasioni mancate

Renzo Stefanel, www.rockit, 01/04/2011

Agile libro inchiesta

Gisella Paccoi, www.ilmangialibri.it, 01/04/2011

Quattro grandi strade aperte

Elisabetta Bolondi, www.ventonuovo.eu, 27/03/2011

Come affrontare la scienza nell'immediato futuro

Redazione, Il Segnalibro n° 171, 01/03/2011

Le quattro occasioni sprecate

Marco Motta, Le scienze, 01/03/2011

La scienza abbandonata, tra dolce vita e boom economico

Lorella Barlaam, Chiamami Città, 09/02/2011

Le occasioni sprecate della scienza italiana

Redazione, Il Salvagente, 03/02/2011

Come siamo caduti in basso

Roberto Fabbri, La Stampa, 02/02/2011

Così l'Italia distrusse gli incubatori dello sviluppo

Redazione, Alamnacco della Scienza / Consiglio Nazionale delle Ricerche, 02/02/2011

Un poker di occasioni perdute

Marco Ferrazzoli, Almanacco della Scienza, 01/02/2011

150esimo dell'Unità d'Italia, un'occasione per riflettere

Redazione, Mate pristem - Bocconi, 01/02/2011

Il miracolo scippato

Marco Pivato, Quotidiano Nazionale, 29/01/2011

L'Italia dei miracoli, poi lo scippo

a.m., Blog Quotidiano.net, 25/01/2011

Un viaggio a ritroso

Massimiliano Panarari, Venerdì di Repubblica, 14/01/2011

Così negli anni Sessanta l'Italia ha perso il treno dell'innovazione