Responsive image

La grande ricostruzione

Il piano Ina-Casa e l'Italia degli anni cinquanta

Prefazione di: Paola Di Biagi

Virgola, n. 72
2010, pp. XXVIII-500

ISBN: 9788860365347
€ 22,50 -5% € 21,37
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello € 21,37
Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist
Scheda libro

Il 24 febbraio del 1949 il Parlamento italiano approvò un progetto di legge, proposto dal ministro del Lavoro Amintore Fanfani, con l’intento di incrementare l’occupazione operaia; si diede così avvio all’attuazione del piano Ina-Casa. A pochi anni dalla fine del secondo conflitto mondiale, con quel piano si intendeva soprattutto affrontare il problema della disoccupazione. I quattordici anni di attività del piano non hanno rappresentato solo una fase significativa della politica economica del paese; essi hanno prodotto anche una delle più consistenti e diffuse esperienze italiane di realizzazione di nuova edilizia sociale. Gli alloggi costruiti – posti entro nuovi quartieri e nuclei urbani – diedero a migliaia di famiglie la possibilità di migliorare le proprie condizioni abitative. A urbanisti e architetti i nuovi insediamenti apparvero finalmente come una grande opportunità per dare forma alla ricostruzione delle città italiane. Quell’esperienza rappresenta uno dei momenti cruciali della storia dell’urbanistica e dell’architettura del Novecento italiano. Il volume propone per la prima volta una riflessione d’insieme sui complessi problemi architettonici e urbanistici, ma anche su quelli economici, politici e sociali che il piano dovette affrontare, rileggendone le genealogie, i contesti, gli obiettivi, i metodi, il ruolo dei protagonisti. L’attenzione si rivolge soprattutto agli esiti fisici di quella «grande ricostruzione»: le case, gli spazi, i quartieri, così come furono costruiti allora, e come ancora oggi si presentano nel paesaggio urbano. È così possibile avviare una riflessione sul valore patrimoniale dei quartieri realizzati: questi spazi rappresentano un’importante risorsa per la città contemporanea e sollecitano l’avvio di azioni e progetti di riqualificazione attenti alla loro tutela.

Recensioni
Redazione, Il Segnalibro, 01/12/2010

La grande ricostruzione