Responsive image

Il ritorno dell'economia politica

Saggi in ricordo di Fernando Vianello

Prefazione di: Giovanni Bonifati
Prefazione di: Annamaria Simonazzi

Meridiana
2010, pp. VI-464

ISBN: 9788860365170
€ 32,00 -5% € 30,40
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello € 30,40
Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist
Scheda libro

La profonda crisi che stanno attraversando le economie occidentali ha rimesso in discussione la teoria economica che ha dominato negli ultimi decenni. La ricerca di spiegazioni e risposte adeguate alla drammaticità del momento ha riproposto un paradigma teorico che era stato messo a tacere dal prevalere dell’ideologia liberista. Ne deriva la sollecitazione a ritornare a un metodo di fare economia – quello dell’«economia politica » adottato dagli economisti classici e da Keynes – in cui la riflessione teorica ha il compito di orientare l’osservazione empirica e di organizzarne e rielaborarne i risultati, senza mai sostituirsi a essa. Come ha scritto Fernando Vianello, questo metodo, «diversamente da quello della scuola neoclassica, non promette risultati sicuri, quali possono ottenersi procedendo per via deduttiva da pochi generalissimi postulati, ma si avventura in territori incogniti, isolando gli aspetti della realtà su cui appare fruttuoso concentrare l’attenzione e tentando di offrirne una spiegazione sulla base di ipotesi soggette a una continua revisione». I saggi contenuti nel presente volume intendono riproporre tale metodo di analisi dei problemi economici nonché ricordare uno studioso che ad esso si è mantenuto fedele, nella sua attività scientifica così come nell’impegno sociale. Elemento unificante degli scritti qui raccolti, che riflettono interessi e prospettive di ricerca necessariamente eterogenei, è l’affetto e la gratitudine per gli stimoli ricevuti dallo studioso a cui essi sono dedicati. Ma anche la comune consapevolezza che, come Vianello stesso ebbe a dire, «le sorti della società non possono restare affidate al gioco cieco e crudele del mercato. E proprio nell’assumere la difesa della società contro il mercato lo Stato democratico può trovare una nuova e più sicura fonte di legittimità».