Responsive image
Paola De Simone

Odio l'estate

Bruno Martino e il più famoso standard jazz italiano

Prefazione di Vinicio Capossela

Virgola, n. 67
2010, pp. X-134, con un inserto di foto in b/n

ISBN: 9788860365149
€ 17,00 -5% € 16,15
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello € 16,15
Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist
Scheda libro

C’è una canzone italiana famosa in tutto il mondo che non è Nel blu dipinto di blu e neanche ’O sole mio. È Odio l’estate,meglio nota come Estate. Nel 1960 la scrissero Bruno Martino, che compose la musica, e Bruno Brighetti, autore del testo. Come poche altre canzoni, Estate ha in sé la malinconia dell’autunno, la forza dell’inverno, la speranza della primavera e il pretesto dell’estate. Difficile resisterle. Tanto che non si contano le centinaia di interpreti e musicisti che l’hanno cantata e suonata, praticamente in tutto il mondo. Non c’è pianobar o night club in cui questa canzone non sia stata eseguita. Eppure pochi italiani conoscono le fortunate sorti di questo brano e la vellutata voce di Martino soffiata sulle eleganti note del pianoforte. Una lacuna in fondo facile da spiegare: Estate non è una canzone popolare, da piazza, bensì confidenziale e per di più jazz; o meglio, è l’unica canzone italiana ad essere considerata uno standard jazz internazionale, tanto che la sua forza trascinante e la sua importanza melodica hanno fatto capitolare al suo cospetto grandi musicisti: da João Gilberto a Chet Baker, da Michel Petrucciani a Toots Thielemans. In questo volume Paola De Simone – in un racconto corale, che accoglie le voci di quanti hanno condiviso il suo mondo, dalla moglie Fiorelisa all’amico Bruno Brighetti, da Jimmy Fontana a Sergio Cammariere, Renato Sellani e Fabrizio Bosso – delinea un ritratto partecipe di Bruno Martino uomo e artista, ripercorrendo le tappe fondamentali di una carriera in salita, che nel 1993 subì una battuta d’arresto. Dimenticato dai più, restarono la sua musica raffinata e la delicatezza di un artista non comune a mantenerne vivo il ricordo tra i palati più fini

Autore

Paola De Simone

Paola De Simone è giornalista musicale, speaker e curatrice di programmi per il circuito radiofonico In Blu. Per Radio2 Rai, ha curato nel 2007 la conduzione del programma Due di notte. Dal 2000 è content manager di portali dedicati alla musica e dirige il giornale on line PopOn. it. Ha collaborato alla stesura de Il grande dizionario della canzone italiana, curato da Dario Salvatori, con il quale ha anche scritto il libro Che canti! Il mito di Ernesto Guevara nella musica (Manni, 2007).

Recensioni
Paola De Simone, L'Isola della musica italiana, 01/03/2011

Odio l'estate

Lorenza Fruci, Il Diario di Lo So Lo, 16/02/2011

Paola, " l'Estate" e la musica

Giovanni Vacca, Blow Up Magazine, 01/01/2011

Un autore ingiustamente dimenticato

auguso.sciarra@rai.it, Rai Isoradio, 09/12/2010

La musica da leggere

Stefano Mannucci, Il Tempo, 17/10/2010

La meraviglia jazz di Bruno Martino

Sergio Fortis, La Gazzetta del Mezzogiorno, 16/09/2010

Storie che bisogna raccontare

Redazione, Internazionale, 20/08/2010

Estate

Elisabetta Bolondi, www.sololibri.net, 19/08/2010

Un saggio leggero come una stagione estiva sul mare

Redazione, Il sole 24 ore, 09/08/2010

Melodie made in Italy

Vinicio Capossela, Il Sole 24 ore, 08/08/2010

L'estate che finì in jazz

Ivan Masciovecchio, www.rockshock,it, 30/07/2010

L'ultimo libro di Paola De Simone

Simone Arminio, Terra - Quotidiano di informazione pulita, 30/07/2010

La stagione del successo

Franco Zanetti, Rochol.it, 28/07/2010

Libri su canzoni

Emanuele Lombardini, Il Giornale dell'Umbria, 16/07/2010

Paola De Simone racconta Bruno Martino e il Jazz