Responsive image
Romano Benini

Saper fare

Il modello artigiano e le radici dello stile italiano

Saggi. Storia e scienze sociali
2010, pp. X-198

ISBN: 9788860364791
€ 25,00 -5% € 23,75
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello € 23,75
Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist
Scheda libro

All’inizio del terzo millennio, l’economia è in declino e il dilemma è uno solo: quale via per lo sviluppo? Il dibattito è tutto schiacciato sul presente, ma la nostra storia può spiegarci tutto. Già la civiltà romana aveva avviato un ciclo di espansione economica basato sul diritto, sulle regole del commercio e delle relazioni umane, sulle vocazioni produttive, su una prima idea di programmazione economica. Poi tutto crollò: fine di una civiltà, fine di un’economia. Di nuovo, nei primi secoli del secondo millennio, sempre dall’Italia riparte un’espansione economica che contaminerà l’Europa per altri cinque secoli, basata sulla centralità della persona, sulle comunità locali, sull’importanza del sapere pratico, sui liberi cittadini. L’artigiano e il mercante diventano portatori di un modello economico che tiene insieme ricchezza materiale e culturale, attenzione sociale, giustizia e affermazione del merito. L’Italia, insomma, inventa il benessere: capitale economico, culturale, sociale tenuti insieme dall’etica. Finché l’artigiano viene sostituito dal cortigiano e si riavvia la decadenza. Da qui, oggi, bisogna ripartire per capire come il made in Italy e il made in Europe non derivino dalle rendite del furbo cortigiano del potere, ma dai saperi pratici, dalle comunità produttive, dalle regole condivise, dal merito. Artigiano contro cortigiano, benessere contro rendita, lavoro contro clientelismo: le soluzioni per la rinascita ci arrivano dal nostro passato.

Autore

Romano Benini

Romano Benini è docente di Italian Fashion Industries presso l’Università La Sapienza di Roma e professore straordinario di Sociologia economica e del welfare presso la Link Campus University di Roma. Giornalista economico, è autore e conduttore dei principali programmi di comunicazione televisiva dedicati ai temi del lavoro: Okkupati, in onda dal 1998 al 2011, e Il posto giusto, in onda dal 2014, entrambi su Rai3. Per Donzelli è autore, tra l’altro, di Saper fare (2010); Italia cortigiana (2012); Destini e declini (2015) e Lo stile italiano (2018).

Recensioni
Ilaria Gianfagna, Messaggero Veneto Udine, 20/09/2010

Più artigiani e meno cortigiani