Responsive image
Volker Braun

La sponda occidentale

Traduzione e cura di Anna Chiarloni e Giorgio Luzzi

Poesia, n. 43
2009, pp. 192

ISBN: 9788860364203
€ 14,00 -5% € 13,30
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello € 13,30
Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist
Scheda libro

A vent’anni della caduta del muro di Berlino per la prima volta in Italia un’antologia del grande poeta tedesco: dagli anni della guerra fredda vissuta oltre cortina sino al dopo ’89 la poesia di Braun racchiude mezzo secolo di storia; la sua voce è lo specchio dei traumi e delle ferite di un paese che forse più di ogni altro ha toccato l’abisso, ma anche quello degli slanci e delle speranze di una comunità che ha saputo, pur tra mille contraddizioni, ritrovarsi unita. Il percorso poetico che questo libro racchiude può essere letto come un viaggio esemplare attraverso i decenni del Novecento a partire dalla prospettiva di un intellettuale europeo che, come pochi altri, si è trovato a vivere nelle crepe della storia. Volker Braun ha avuto il coraggio di esserne testimone. Che nella Ddr non fosse facile la vita dell’intellettuale militante lo sappiamo. Forse oggi più di ieri, dopo che negli archivi della Stasi Braun ha ritrovato quarant’anni dell’esistenza sua - e dei suoi familiari - frugata fin “nelle viscere”. Anche se non privo di riconoscimenti, Braun non può essere assimilato all’apparato culturale della Ddr. Il suo è un rapporto di non subalternità, ergo di continua tensione critica, di chi - egualitario nel cuore e nella lingua - vuol parlare senza il morso in bocca. I suoi sono versi protesi in avanti, di un artista che crede nell’utopia di uguaglianza, che non esita a porre domande alla società, incalzandola e mettendone a nudo contraddizioni e stridori. Questa tensione spiega forse il grande successo che Braun riceve dopo la caduta nel muro, in una Germania unita che lo riconosce suo cantore. La sua non è mai poesia di piccole cose, è anzi continua e strenua ricerca di senso. In un paese sconvolto dagli eventi, in cerca sia a est che a ovest di un’identità, trova il suo pubblico una poesia di emozione civile che entra nel tempo e nella storia richiamando idee e valori dei classici.

Autore

Volker Braun

Volker Braun (Dresda 1939) è poeta, narratore e autore di teatro. Debutta nel 1965 con la sua prima raccolta, Provokation für mich, centrata sull'analisi delle contraddizioni tra l'utopia socialista e la realtà di una Germania murata. Nella Ddr i suoi testi sono stati a lungo censurati. Dopo l'89 raccoglie il consenso unanime della critica e nel 2000 gli viene assegnato il Premio Büchner. Tra le sue raccolte più recenti: Der Stoff zum Leben (1990), Die Zickzackbrücke (1992), Tumulus (1999), Auf die schönen Possen (2005).