Responsive image
Laura Pennacchi

La moralità del welfare

Contro il neoliberalismo populista

Saggi. Storia e scienze sociali
2008, pp. XII-262, rilegato

ISBN: 9788860362803
€ 27,00 -5% € 25,65
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello € 25,65
Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist
Scheda libro

Welfare state è ormai diventata un’espressione sconveniente. Da qualche tempo impera una sorta di tirannia degli stereotipi del neoliberismo, impostasi sia sul piano teorico che su quello empirico. Va di moda predicare la destatalizzazione, il trionfo di un ordinamento privatistico su scala globale, l’integrazione pre-politica e pre-statale della società mondiale affidata all’automatico coordinamento del mercato, l’isolamento e la spoliticizzazione dei cittadini, che renderebbero superflua la creazione della cittadinanza e dell’identità civica. Nonostante i ripetuti fenomeni di crisi (specie finanziaria) che attraversano le nostre economie e le nostre società, il neoliberismo non si mostra per niente in disarmo; l’ultima tendenza, che nella versione nostrana ha conosciuto recenti successi editoriali, sta nella sua aggressiva riproposizione «populista», volta a criticare gli eccessi del «mercatismo», e a rilanciare strategie – o tattiche? – di autodifesa protezionistica. Laura Pennacchi affronta in modo ragionato questi influenti luoghi comuni, troppo spesso subiti acriticamente, e ne discute con rigore e competenza, senza rinunciare a quella vis polemica che sembra ormai smarrita. Ne scaturisce una difesa convinta e convincente non solo dell’efficacia, ma anche della moralità delle politiche di redistribuzione, cui lo Stato non può rinunciare se vuole ancora perseguire il suo conclamato presupposto di equità. È in gioco la democrazia stessa, al cui fondamento vi è un’idea di libertà intesa non come mero attributo individuale ma come impegno sociale e tensione egualitaria.

Autore

Laura Pennacchi

Laura Pennacchi, più volte eletta in Parlamento, è stata sottosegretario al Tesoro con Ciampi nel primo governo Prodi.