Responsive image
Lewis Mumford

Storia dell'utopia

Introduzione di Franco Crespi Traduzione di Roberto D'Agostino

Virgolette, n. 33
2008, pp. XIV-226

ISBN: 9788860362049
€ 15,00 -15% € 12,75
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello € 12,75
Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist
Scheda libro

«L’uomo cammina con i piedi in terra e la testa per aria; e la storia di ciò che è accaduto sulla terra – la storia delle città, degli eserciti e di tutte quelle cose che hanno avuto corpo e forma – è solo una metà della storia dell’uomo». L’altra metà è rappresentata proprio dall’utopia. «Utopia – dice Lewis Mumford nella prefazione del 1922 a questo libro prezioso e insuperato – può derivare dalla parola greca “eutopia”, che significa il buon posto, o dall’altra parola greca “outopia”, che significa nessun posto». Ed è lo stesso Mumford a chiarire il contesto intellettuale da cui questo suo lavoro ha tratto origine: «Poco dopo la prima guerra mondiale, io vivevo ancora nel clima di speranza della generazione passata; ma mi rendevo conto che l’entusiasmo del grande XIX secolo era giunto alla fine. Quando ho iniziato ad esaminare storicamente le utopie, intendevo chiarire che cosa in esse fosse andato perduto e definire che cosa fosse ancora valido. Fin dal principio ero conscio di una virtù che era stata inspiegabilmente trascurata: le opere classiche degli utopisti trattavano sempre la società come un tutto unico e tenevano conto dei rapporti esistenti tra funzioni, istituzioni e fini dell’uomo. La nostra civiltà ha poi diviso la vita in compartimenti. Sono giunto dunque a considerare il pensiero utopista come l’opposto dello spirito unilaterale, partigiano, specialistico». Di questo bisogno di scenari non angusti – che si ripropone oggi come un’esigenza forse troppo trascurata – discute l’introduzione di Franco Crespi, sull’inattuale attualità dell’utopia.

Autore

Lewis Mumford

Lewis Mumford (1895-1990), sociologo e urbanista statunitense, ha insegnato nelle Università di Harvard, Yale e Princeton. Nel 1933, con H. Wright e A. Meier, ha fondato lo Housing Study Guild. Tra le sue opere tradotte in italiano: Architettura e cultura in America dalla guerra civile all’ultima frontiera (Marsilio, 1977), La condizione dell’uomo (Bompiani, 1977), La città nella storia (Bompiani, 1981) e Passeggiando per New York. Scritti sull’architettura della città (Donzelli, 2000).