Responsive image
Luca Scarlini

D'Annunzio a Little Italy

Le avventure del Vate nel mondo dell'emigrazione

Saggine, n. 110
2008, pp. VIII-88

ISBN: 9788860362001
€ 12,00 -15% € 10,20
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello € 10,20
Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist
Scheda libro

Il ruolo di D’Annunzio nella storia culturale tra Otto e Novecento si deve in primo luogo alla sua capacità di incidere ben al di là dell’ambito letterario. Da modello ante litteram del­l’«immaginazione al potere» a maestro indiscusso dello sti­le di vita dandy, è noto che la popolarità del Vate è riuscita a sconfinare dall’agone artistico in quello politico ed estetico. Quel che molto meno si sa è che è di­ventato mo­dello talvolta inconsapevole di un’intera generazione di italiani trapiantata tra il Nord e il Sud America, alla disperata ricerca di modelli positivi di italianità da propagandare in contesti tendenzialmente ostili e razzisti. Luca Scarlini ci offre un repertorio di aneddoti e curiosità che testimoniano un’al­quanto bizzarra fortuna di D’An­nunzio pres­­so il variegato mondo del­l’emigrazione del Belpaese, a partire dalla vicenda della sua stessa famiglia, anch’essa trasmigrata a New York in cerca di miglior fortuna. Dalle tracce evidenti della sua oratoria nella pubblicistica di sinistra – basti pensare al sindacalista rivoluzionario Carlo Tresca – al calco dei tanti suoi motti di argomento culinario, divenuti una leggenda nella galassia in espansione dei ristoranti italiani. Il Vate, quindi, come personaggio clamoroso, che col suo vivere inimitabile fornisce un’immagine accattivante di un’Italia ben diversa da quel covo di mafiosi e accoltellatori che sanno di aglio – secondo uno degli ste­reotipi più in voga sulla stam­­pa statunitense dell’epoca. Il filo lungo cui si dipanano queste pagine non è dunque quello della ricezione dello scrittore, quanto la sua fortuna come vero e proprio maestro di stile.

Autore

Luca Scarlini

Luca Scarlini insegna alla Scuola Holden, all’Accademia di Brera e all’Università di Ferrara. Scrive su «Alias» e «L’Indice». Drammaturgo e traduttore, lavora come saggista sui temi dell’identità. Tra le sue numerose pubblicazioni ricordiamo: La musa inquietante: il computer e l’im­maginario contemporaneo (Cortina, 2001); Equivoci e miraggi: pratiche d’autobiografia oggi (Bur, 2003); La paura preferita: Islam: fascino e minaccia nella cultura italiana (B. Mondadori, 2005) e Lustrini per il regno dei cieli. Storie di castrati (Bollati Boringhieri, 2008). Come consulente letterario collabora col Teatro Stabile di Parma, il Link di Bologna, il Teatro Regio di Torino, il Festival Intercity di Sesto Fiorentino e il National Theatre di Londra.