Responsive image
Giorgio Ruffolo

Il libro dei sogni

Una vita a sinistra raccontata a Vanessa Roghi

Saggine, n. 105
2007, pp. VI - 138

ISBN: 9788860361677
€ 14,00 -5% € 13,30
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello € 13,30
Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist
Scheda libro

Dalla formazione sui classici del marxismo e del liberismo, alle responsabilità di coordinatore della programmazione economica del centro-sinistra, al difficile ruolo di ministro dell’Ambiente nel momento di maggiore vitalità delle lotte ambientaliste, la vita di Giorgio Ruffolo è un racconto di scommesse fatte e non sempre vinte. Dapprima all’Eni con Enrico Mattei, poi alla Programmazione economica, la sua storia è quella dell’anima riformista di questo paese, disposta a «sporcarsi le mani» ma solo al fine di un miglioramento della vita economica e sociale. Ruffolo si trova ad agire da protagonista in momenti di svolta radicale per le sorti della repubblica, a volte nell’ombra, da tecnico, a volte sotto i riflettori da ministro o eurodeputato. Il racconto si snoda attraverso tappe che vanno dalla sua formazione, durante la seconda guerra mondiale – le letture, gli incontri, un antifascismo sempre più convinto che matura attraverso Marx e Salvemini –, ai primi incarichi pubblici, nell’Ufficio studi della Bnl, fino alla nomina a ministro nel 1987 e poi all’elezione a parlamentare europeo. La descrizione vivace dell’ambiente, le biografie dei primi burocrati della repubblica si alternano al racconto di un’Italia che cambia, soprattutto nei costumi. La trama si arricchisce di considerazioni e documenti che consentono di toccare con mano periodi estremamente complessi della storia d’Italia: la pionieristica fase della programmazione, osteggiata dai grandi partiti di massa, Dc e Pci (fu Fan­fani a definire il Progetto 80 di Ruffolo «il libro dei sogni»), e dalle manovre dei grandi «monopoli» italiani, con figure come La Malfa, Saraceno e Giolitti sul­lo sfon­do; la morte di Mattei, ricordato attraverso il lavoro comune, i viaggi, il problema del petrolio italiano e il ruolo giocato dai paesi arabi e dai servizi segreti francesi nella sua tragica fine. La riflessione autobiografica diventa così terreno di confronto per chi voglia capire la storia tormentata della sinistra italiana.

Autore

Giorgio Ruffolo

Giorgio Ruffolo è attualmente presidente del Cer, Centro Europa ricerche. È autore di numerosi volumi, tra cui Rapporto sulla programmazione (1973), La qualità sociale (1990), Il cavallo di Federico (1991), Lo sviluppo dei limiti (1994), Cuori e denari (1999 e 2005), Quando l’Italia era una superpotenza (2004), Lo specchio del diavolo (2006). Nel 1986 ha fondato la rivista «Micromega: le ragioni della sinistra». Vanessa Roghi, storica contemporaneista, collabora dal 1995 con «L’espresso». Insegna presso il dipartimento di Storia moderna e contemporanea dell’Università «La Sapienza» di Roma, nella Facoltà di Lettere.