Responsive image
Mark Rothko

Scritti sull'arte

1934-1969

A cura di Miguel Lopez-Remiro Edizione italiana a cura di Riccardo Venturi

Virgola, n. 37
2007, pp. XVIII - 254

ISBN: 9788860361646
€ 18,00
Temporaneamente non disponibile Temporaneamente non disponibile Temporaneamente non disponibile
Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist
Scheda libro

La pubblicazione degli scritti di Mark Rothko – uno dei più grandi artisti del XX secolo –, inediti fino a pochissimi anni fa, ha rappresentato un vero e proprio evento nel mondo dell’arte contemporanea. Il volume si presenta come un’insostituibile guida all’opera di Rothko, seguendone l’itinerario artistico dal debutto, nel 1934, fino al 1969, un anno prima della morte. Si tratta di documenti di straordinario interesse: dalle lettere ai suoi amici pittori alle memorie del viaggio in Europa – in particolare a Paestum, dove Rothko scopre di «aver sempre dipinto templi greci senza saperlo» –, dai quaderni di note sul surrealismo, su Picasso o Miró, alle amare confessioni sul mondo dei mercanti e dei critici d’arte. Emergono così le ambizioni e lo spessore teorico di una personalità artistica che ha rivoluzionato la pittura del Novecento. Per Rothko l’arte si rivela come una zona d’interscambio. È la creazione di un immaginario spazio di comunicazione tra l’artista, la pittura e lo spettatore: «Lo strumento più importante che l’artista impiega grazie a una pratica costante è la fede nella sua capacità di produrre miracoli quando ve n’è il bisogno. I quadri devono essere miracolosi: non appena uno è terminato, l’intimità tra la creazione e il creatore è finita. Questi diventa uno spettatore. Il quadro deve essere per lui, come per chiunque altro ne farà esperienza più tardi, una rivelazione, una risoluzione inattesa e inaudita di un bisogno eternamente familiare»

Autore

Mark Rothko

Marcus Rothkowitz è nato a Dvinsk in Russia nel 1903. Nel 1913 si trasferisce negli Stati Uniti, dove più tardi frequenterà l’Università di Yale. Presto abbandona gli studi per spostarsi a New York. Nel 1933 tiene la sua prima personale e nel 1945 la sua prima esposizione per la galleria di Peggy Guggenheim. Da allora sarà uno dei più apprezzati e influenti artisti americani. Muore suicida nel 1970.

Recensioni
Simona Maggiorelli, Left, 22/10/2010

Gottlieb, sulla via di Rothko