Responsive image
Fernando J. Devoto

Storia degli italiani in Argentina

Traduzione di Federica Bertagna

Saggi. Storia e scienze sociali
2007, pp. X - 504, rilegato

ISBN: 9788860361172
€ 34,00 -5% € 32,30
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello € 32,30
Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist
Scheda libro

La presenza dell’Italia e degli italiani in Argentina è un fenomeno tanto importante quanto poco visibile nelle narrazioni della storia dei due paesi. Questa ricerca rappresenta dunque un contributo fondamentale e inedito alla ricostruzione della storia dell’emigrazione italiana nel mondo. E si tratta di una ricognizione quanto mai vasta ed eterogenea, poiché ad approdare in Argentina fu un numero ingente di persone, non semplicemente riconducibili alla tipologia classica del migrante. Quali affinità potevano esserci, per esempio, tra Giuseppe Militello, un giovane siciliano emigrato con la famiglia nel secondo dopoguerra per lavorare come tecnico alla Entel, e Agostino Rocca, presidente dell’Iri in Italia durante il ventennio e fondatore della Techint in Argentina? Differenze sociali innanzitutto, ma anche cronologiche e identitarie, come nel caso degli immigrati liguri sbarcati nel quartiere della Boca negli anni trenta del XIX secolo, e dei molisani arrivati a Rosario alla fine degli anni quaranta del XX. Erano persone che provenivano da un luogo molto cambiato in questo arco di tempo: la penisola italiana, che nel primo caso non era neppure riunificata, nel secondo stava per convertirsi in potenza industriale. Dunque, mentre i primi arrivati non parlavano neppure una lingua nazionale, i secondi, passati attraverso le grandi esperienze nazionalizzatrici della scuola pubblica e delle due guerre mondiali, si sentivano italiani a pieno titolo. Sono solo alcuni esempi dell’ampiezza della ricerca di Devoto, che consente di fare luce sulle diversità e la complessità di un paese come l’Argentina, oggi quanto mai alla ribalta.

Autore

Fernando J. Devoto

Fernando J. Devoto è professore ordinario di Teoria e Storia della storiografia presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Buenos Aires. Si occupa da molti anni di storia dell’emigrazione italiana in America Latina, ed è considerato una delle voci più importanti in materia. È autore, tra l’altro, di Historia de la inmigración en la Argentina (Buenos Aires 2003) e curatore, con P. González Bernaldo, di Emigration politique. Une perspective comparative (Paris 2001).