Responsive image
Florence Dupont

Omero e Dallas

Dall' Iliade alla soap-opera

Presentazione di Gian Paolo Caprettini. Traduzione di Maria Baiocchi

Virgolette, n. 25
2006, pp. XIV-130

ISBN: 9788860360502
€ 12,00 -5% € 11,40
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello € 11,40
Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist
Scheda libro

«E se Omero fosse il Dallas dell’antichità?». Oppure: «E se Dallas fosse l’Omero dei nostri tempi?». La tesi di questo libro – brillante e provocatoria, ma sostenuta da grande rigore e precisione – è che esista uno stretto legame tra il popolare prototipo dei serial televisivi e il celebratissimo poema della Grecia classica. Entrambi questi universi narrativi appartengono al continente della cultura orale, e dunque non possono essere interpretati con i canoni della cultura scritta. Entrambi celebrano, entro una situazione conviviale e con un esplicito scopo gratificante, un modo di essere, un costume, un’identità collettiva. Il cantore omerico racconta per donare l’oblio: egli non si rivolge all’esperienza individuale dei convitati, e la sua recitazione illumina piuttosto una memoria globale, comune a tutti gli uomini. Ma il rito del banchetto prevede che l’aedo ricomponga ogni volta il suo canto in forma nuova: dunque non può adoperare un «testo», il suo eloquio non si conserva. Lo stesso carattere epico, la stessa intenzione celebrativa e di evasione, si ritrovano in Dallas, qui preso a modello esemplare di una mai finita sequela di soap-opera e sceneggiati a puntate. Come il canto dell’aedo omerico, così l’odierna serie televisiva costituisce un racconto aperto, che mai si conclude. E così come l’Iliade e l’Odissea venivano cantate nel contesto conviviale del banchetto, allo stesso modo Dallas – ma anche Dynasty, Beautiful o Un posto al sole – ci hanno intrattenuto e ci intrattengono ogni giorno dallo schermo televisivo.

Autore

Florence Dupont

Florence Dupont è docente di Latino all’Università di Paris vii. Studiosa, in particolare, di antropologia del corpo e della voce nella Roma antica, è membro del Centre Louise Gernet di Ricerche comparate sulle società antiche. Tra i suoi numerosi lavori sono stati tradotti in italiano: La vita quotidiana nella Roma repubblicana (Laterza, 20053) e Teatro e società a Roma (Laterza, 19952).