Ana Blandiana

Variazioni su un tema dato

A cura di Bruno Mazzoni

Collana: Poesia, 78
2023, pp. 144
ISBN: 9788855225038

€ 16,00  € 15,20
  • Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
  • Altre edizioni
Scheda libro

mentre il miracolo è proprio la separazione,
l’istante in cui la polpa viva della parola si stacca
dalle ossa bianche, rinsecchite
del significato,
e scopriamo
che lo spirito ci ha sempre uniti
molto più del sangue.

L’idea di conseguire efficacia lirica attraverso un linguaggio di estrema economia si riconferma nel più recente volume di versi di Ana Blandiana, pubblicato in Romania nel 2018. Vengono qui evocati gli effetti perturbanti della perdita e della separazione dalla persona amata, in un quadro che vede un continuo intrecciarsi di concretezza e irrealtà, nel quale il gesto, quasi si trattasse di una sublime cerimonia, acquista un’aura simbolica accompagnata da numerosi riferimenti culturali. Di fatto, la separazione si dimostra impossibile: essa si è prodotta solo in apparenza, priva di effetti sull’intimità spirituale, il passaggio su questa terra essendo come un abito che si può dismettere o scambiare («Sapevo che è solo un abito»). Chiarita fin da subito l’inseparabilità, resta da definire il nuovo genere di legame, che oscilla di continuo fra un’apparente luminescenza e la sensazione di un’ombra inattingibile, pur nell’aspirazione a riscoprire ancora un nesso palpabile… Perché il legame possa sussistere occorre che esso superi la materialità, dal momento che «lo spirito ci ha sempre uniti/ molto più del sangue» («Come tra spirito e corpo»). Lo spazio dell’aldilà, misterioso in sé, offre insicurezze riferite al valore del tempo, amplificando in tal modo l’ansia che suggeriscono i componimenti egizi dell’Antico Regno o al pari i lamenti profferiti da Gilgameš. Gioia e sentimento tragico attraversano immutabili la storia: «Cosa è l’amore, se non l’impossibilità che siano separate due creature che non hanno deciso loro di stare assieme? […] E cosa è l’amore se non la legge universale di abolizione delle frontiere?» («Cosa è l’amore»).

Autore

Ana Blandiana
Ana Blandiana, nata a Timișoara nel 1942, è la poetessa rumena più nota nel mondo. La sua fama, accompagnata dalla rilevanza del suo impegno civile sia prima che dopo la caduta del regime di Ceaușescu, si è costruita attraverso una serie di volumi di versi e prosa fantastica che ne hanno definito la personalità letteraria. La sua opera, tradotta in venti lingue, è un’incessante meditazione sulla creazione artistica e sulla natura umana: la purezza e la caduta nel peccato, la morte e la sopravvivenza, l’amore come aspirazione all’assoluto e insieme fuga dalla materialità conferiscono una dimensione sovratemporale alla sua voce lirica.

Recensioni

RAFFAELLA DE SANTIS, La Repubblica, 17/09/2023
Ana Blandiana. Le menzogne del potere

ROBERTO GALAVERNI, Corriere della Sera - La Lettura, 10/09/2023
La legge dell'amore scritta in poesia abolisce le frontiere

Maurizio Stefanini, Libero, 22/09/2023
La sofferenza in poesia è una storia senza tempo

Susanna Tartaro, Radio 3 Fahrenheit, 16/09/2023
Speciale Pordenonelegge

LUIGI LUPO, Il Foglio, 14/09/2023
Versi dissidenti