Aldo Agosti, Marina Cassi

Espulso per tradimento

Storia di un detenuto comunista che chiese la grazia al duce

Collana: Saggine, 381
2023, pp. 208
ISBN: 9788855225007

€ 18,00  € 17,10
  • Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
  • Altre edizioni
Scheda libro

«Non credere che il mutamento che è avvenuto in me si sia solo iniziato ultimamente. Apparentemente è così, ma se sono giunto a quella conclusione è perché già da molto tempo le mie convinzioni stavano trasformandosi. Quando ho deciso di fare la domanda di grazia non restava più che una facciata di tutta la costruzione, dietro a questa molto era crollato o stava per crollare. Uno sforzo di volontà e anche la facciata ormai inutile andava in pezzi».
Cesare Cassi

Milano 1927. Cesare Cassi, un giovane comunista torinese, dirigente del partito clandestino, viene arrestato dalla polizia per attività sovversive. L’anno dopo, il Tribunale speciale fascista lo condannerà a quindici anni di reclusione, con l’accusa pesantissima di aver contribuito alla riorganizzazione del Partito comunista. Entrato in carcere, prima a Milano, poi a Volterra e infine a Spoleto, sconterà sette anni di prigione, esattamente nello stesso periodo di Antonio Gramsci, e come lui vivrà una dolorosa «trasformazione molecolare» che, nel suo caso, lo porterà alla sofferta decisione di chiedere la grazia. Una scelta di questo tipo, per il Partito comunista allora clandestino, equivaleva a un tradimento: chi faceva domanda di grazia era considerato alla stregua di una spia o un provocatore, indipendentemente dal grado di coinvolgimento prima avuto nella causa, e veniva espulso dal partito. Chiedere clemenza al regime voleva dire fare tabula rasa del passato e al tempo stesso varcare una barriera verso un futuro di solitudine politica irreversibile. E così sarà: il comunista duro e puro considerato dai suoi giudici «fanatico e pervaso dalle più accese teorie sovversive» non tornerà mai più alla vita politica. Una coltre d’oblio si stenderà sulla sua storia di militante fino a farla scomparire. La vicenda di Cassi, raccontata attraverso le 278 lettere che scrisse alla famiglia negli anni del carcere, consente di affrontare l’inedito nodo dei detenuti politici che sotto il fascismo decisero di chiedere la grazia (e spesso la ottennero), un fenomeno non insignificante a livello quantitativo, ma quasi ignorato dalla storiografia. Nel racconto di Cesare, il carcere fascista appare drammaticamente non solo come la palestra di formazione di quadri del Pci in cui lo hanno monumentalizzato la memorialistica anti fascista e la stessa storiografia, ma un luogo di oppressione e di umiliante svilimento dell’individuo. La storia della vita spezzata in due di Cesare Cassi mette a nudo in maniera esemplare le problematiche esistenziali del rapporto tra pubblico e privato, tra sentimenti e bisogni, tra ideologia e vita. E per questo merita di essere conosciuta.

Autori

Aldo Agosti
Aldo Agosti, professore emerito di Storia contemporanea dell’Università di Torino, ha scritto, tra gli altri, diversi libri sulla storia del movimento comunista italiano e internazionale. Per Donzelli ha curato nel 2020 il libro di Celeste Negarville, Clandestino a Parigi. Diario di un comunista italiano nella Francia occupata.

Marina Cassi
Marina Cassi è stata per trent’anni giornalista del quotidiano «La Stampa», occupandosi soprattutto di economia e di problemi del lavoro.

Recensioni