Donato Pirovano

La nudità di Beatrice

Dante, Giotto, Ambrogio Lorenzetti e l’iconografia della Carità

Collana: Saggi. Arti e lettere
2023, pp. XVI-232
ISBN: 9788855224994

€ 33,00  € 31,35
  • Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Scheda libro

Una figura di pura luce, il corpo coperto da un velo sottile che ne lascia intravedere le forme, in mano un cuore rosso, che arde dentro una fiamma. Sotto il panno leggero, la donna è nuda. È l’icona della Carità, l’amore cristiano, nella nuova rappresentazione che di essa si afferma nell’arco del Trecento grazie ad artisti come Giotto e Ambrogio Lorenzetti. Ma qual è l’origine di questa iconografia? Chi c’è dietro a questa donna, sensuale e insieme spirituale, che incarna la più importante virtù teologale? Nella filigrana di questa immagine – sostiene Donato Pirovano nel volume – è possibile intravedere la Beatrice dantesca nella forma in cui appare in sogno al poeta nell’enigmatico sonetto che apre la Vita nuova. In quella sede, la donna compare tra le braccia di Amore, che le offre in pasto il cuore di Dante, per poi allontanarsi in lacrime. Donando questo cuore alla «donna de la salute», Amore affida a Beatrice la vita di Dante perché la trasformi, sublimando la sua passione affinché non venga mai meno. In questo rito onirico, Beatrice incarna ciò che sarà nella poesia di Dante da quel momento in poi: l’icona vivente della Caritas, quell’amore disinteressato che viene dal cielo e al cielo ritorna. Toglierle il velo e ammirare la sua nudità significa, allora, contemplare la bellezza di un amore salvifico, puro ed eterno. In un ragionamento serrato tra parole e immagini, Pirovano conduce il lettore alla scoperta dei legami obliqui tra arte e letteratura, rintracciando nell’episodio dantesco la fonte primaria capace, con la sua potente forza drammatica, di generare e alimentare un’iconografia che godrà di lì a poco di uno straordinario successo.

Autore

Donato Pirovano
Donato Pirovano è professore ordinario di filologia e critica dantesca all’Università di Milano. Socio dell’Accademia delle scienze di Torino, ha tenuto pubbliche letture dantesche presso varie istituzioni culturali, tra cui la Casa di Dante in Roma, la Società dantesca italiana di Firenze, il Salone del Libro di Torino. Codirige la «Rivista di studi danteschi». Nel 2015 ha curato la nuova edizione critica della Vita nuova. Per i tipi della Donzelli ha pubblicato Amore e colpa. Dante e Francesca (2021).

Recensioni

Walter Meliga, L'INDICE dei libri del mese, 01/02/2024
Lo stretto nesso tra sacro e profano

, Azione, 02/01/2024
Beatrice e la carità

, Corriere del Ticino, 02/12/2023
Beatrice e la carità

Franco Minonzio, Lingua italiana – Treccani, 30/10/2023
LA NUDITÀ DI BEATRICE. DANTE, GIOTTO, AMBROGIO LORENZETTI E L’ICONOGRAFIA DELLA CARITÀ

ALESSANDRO ZACCURI, Avvenire, Nazionale, AGORA', 03/09/2023
Dante, Giotto e il fuoco della Carità