A cura di Salvatore Lupo e Angelo Ventrone

Il fascismo nella storia italiana

Collana: Progetti Donzelli
2022, pp. X-408, rilegato
ISBN: 9788855223898

€ 35,00  € 33,25 - Novità
  • Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
  • Altre edizioni
Scheda libro

Parte prima. I caratteri originali
La rivoluzione, ovvero il mito di un ordine nuovo, Salvatore Lupo
Perché il fascismo si sentiva moderno: alla ricerca dell’«uomo nuovo», Angelo Ventrone

Parte seconda. Calendario
28 ottobre 1922. La marcia su Roma. La conquista, Alberto De Bernardi
5 novembre 1926. Le leggi speciali. Lo Stato autoritario, Luigi Lacchè
11 febbraio 1929. I Patti Lateranensi. Il fascismo e la Chiesa, Alberto Melloni
28 ottobre 1932. L’inaugurazione di via dell’Impero. Città e paesaggio della nuova Italia, Paolo Nicoloso
23 gennaio 1933. La nascita dell’Iri. Lo Stato imprenditore?, Leandra D’Antone
27 marzo 1933. La fondazione dell’Inps. Lo Stato sociale, Chiara Giorgi
9 maggio 1936. La proclamazione dell’impero. Colonialismo fascista, Uoldelul Chelati Dirar
24 ottobre 1936. La nascita dell’Asse. La politica di potenza, Lutz Klinkhammer
1°-2 settembre 1938. Le leggi antisemite. Fascismo e razzismo, Francesco Cassata
25 luglio 1943. La caduta del regime. La guerra e la sconfitta, Nicola Labanca
25 aprile 1945. L’insurrezione nazionale. Guerra civile e Liberazione, Luca Baldissara

Parte terza. Sentieri
Il partito unico tra centro e periferia, Tommaso Baris
Le donne: le nuove italiane, Maria Pia Casalena
Gli apparati di repressione, Vittorio Coco
Lo squadrismo, Matteo Di Figlia
I giovani: i nuovi italiani, Patrizia Dogliani
Dal fascismo ai fascismi, Matteo Pasetti
L’antifascismo, Carlo Verri

Il ventennio dopo un secolo. A cento anni dalla marcia su Roma, un gruppo di storici di diverse generazioni, coordinato da Salvatore Lupo e Angelo Ventrone, riflette in questo volume su un nodo cruciale della nostra storia contemporanea. I centenari – come scrivono i curatori – sono in genere occasioni per operazioni di uso pubblico della storia: le nazioni in questi casi ricordano, e qualcosa trovano anche opportuno dimenticare. Il centenario da cui il volume prende spunto chiama in causa l’identità degli italiani, e quella della loro Repubblica, nata antifascista e oggi impegnata tra mille incertezze a ridefinirsi. Ma chiama in causa anche una grande e controversa riflessione storiografica, che ha fatto del fascismo l’argomento della nostra storia novecentesca più studiato, in Italia e in tutto il mondo, tanto da produrre una bibliografia imponente. Il gruppo che ha ideato e costruito questo libro, consapevole che i contenuti di una simile discussione scientifica non sono facilmente spendibili negli spazi del dibattito pubblico, si è proposto di raccordarli con una riflessione civile. Nella prima parte del volume i curatori propongono le loro analisi su due idee-base del fascismo, rivoluzione e modernità. Nella seconda, i contributi degli autori si succedono lungo un percorso cronologico oltre che tematico, partendo dalle date in cui si sono consumate singole svolte su questioni-chiave; l’obiettivo è ricostruire e interpretare le dinamiche che portarono il regime ad accentuare progressivamente la propria armatura totalitaria, sino al collasso finale. Alcuni di questi temi – che meritano un approfondimento e una trattazione a sé – sono raccolti nei saggi della terza parte del libro. Il risultato è un’indagine a tutto campo su un ventennio che ha coinvolto tragicamente la storia italiana ed europea, ma anche il tentativo di sciogliere alcuni nodi di quella vicenda, questioni cruciali per decifrare il presente e il futuro delle nostre democrazie.

Autori

Salvatore Lupo
Salvatore Lupo ha insegnato storia contemporanea all’Università di Palermo. È stato tra i fondatori e condirettore della rivista «Meridiana» e redattore di «Storica». Per i tipi di Donzelli ha pubblicato tra l’altro: Storia della mafia. La criminalità organizzata in Sicilia dalle origini ai giorni nostri (1993, 2a ed. 2004); Il fascismo. La politica in un regime totalitario (2005); La questione. Come liberare la storia del Mezzogiorno dagli stereotipi (2015), La mafia. Centosessant’anni di storia. Tra Sicilia e America (2018).

Angelo Ventrone
Angelo Ventrone insegna storia contemporanea all’Università di Macerata. Studioso di movimenti sociali, di comunicazione e violenza politica, con Donzelli ha pubblicato Il nemico interno. Immagini e simboli della lotta politica nell’Italia del ’900 (2005), Grande guerra e Novecento. La storia che ha cambiato il mondo (2015) e nel 2019 ha curato L’Italia delle stragi. Le trame eversive nella ricostruzione dei magistrati.

Recensioni