Responsive image
Emiliano Morreale

La mafia immaginaria

Settant'anni di Cosa Nostra al cinema (1949-2019)

Saggi. Arti e lettere
2020, pp. 344, Formato e-pub

ISBN: 9788855221399
€ 19,99
Acquista da Acquista da Acquista da
Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist
Scheda libro

Dal secondo dopoguerra, e ancor più dalla fine degli anni sessanta, la mafia siciliana è stata oggetto di decine di film e poi di fiction televisive, con un corredo riconoscibile e stereotipato di personaggi, situazioni, immagini: un codice che si è sovrapposto agli eventi storici, li ha modellati e ne ha influenzato la percezione. Frutto di una ricerca decennale, questo libro rappresenta il primo studio completo sui modi in cui il cinema ha raccontato Cosa Nostra. Una lettura documentata e provocatoria, che ribalta molti luoghi comuni. Il cinema italiano non ha quasi mai raccontato davvero la mafia, ma si è inventato un «mafiaworld» parallelo, che ha influenzato la percezione del fenomeno da parte dell’opinione pubblica, e perfino i modi in cui i mafiosi stessi si sono visti. Dalla strage di Portella della Ginestra al maxiprocesso, dagli attentati del 1992 a oggi, Emiliano Morreale ripercorre la storia del mafia movie attraverso materiali d’archivio inediti o rarissimi. Dal neorealismo a Salvatore Giuliano, dal Padrino alla Piovra, dai Soprano al Traditore, da Ciprì e Maresco alle biografie televisive di boss e martiri; ma anche film sconosciuti e illuminanti, e pellicole che non furono mai girate, per censura politica o difficoltà economiche. I mafia movie, rivisti oggi, ci parlano del loro tempo in maniera indiretta. Dietro i modi in cui Cosa Nostra viene raccontata si intravedono la crisi degli intellettuali negli anni del boom, le contraddizioni davanti ai cambiamenti del ruolo della donna, lo smarrimento di fronte alla strategia della tensione o all’ascesa di Berlusconi. La Sicilia e la mafia, insomma, diventano il luogo in cui situare paure, ansie, difficoltà della società italiana, per esorcizzarle, sperando di trovare «la chiave di tutto», fino a un presente dove il racconto di Cosa Nostra sembra evocare solo il passato, come una favola.

Autore

Emiliano Morreale

Emiliano Morreale insegna all’Università La Sapienza di Roma ed è critico cinematografico del quotidiano «la Repubblica». Per i tipi della Donzelli ha pubblicato: L’invenzione della nostalgia. Il vintage nel cinema italiano e dintorni (2009), Così piangevano. Il cinema melò nell’Italia degli anni cinquanta (2011) e ha curato Mario Soldati e il cinema (2009).

Recensioni
Alberto Anile, 8 e 1/2, 01/11/2020

DACCI OGGI LA NOSTRA MAFIA QUOTIDIANA

Alberto Pezzotta, Film Tv, 20/10/2020

DACCI OGGI LA NOSTRA MAFIA QUOTIDIANA

Oliviero Ponte di Pino, Radio 3 - Piazza Verdi, 03/10/2020

Intervista a Emiliano Morreale

Chiara Barbo, Vivilcinema, 01/10/2020

CINEMA DI CARTA

Andrea Meccia, Gli Stati Generali, 30/09/2020

IL FASCINO DISCRETO DELLA MAFIA IMMAGINARIA

Guido Vitiello, Il Foglio, 29/09/2020

IL BI E IL BA

Andrea Minuz, Il Foglio, 19/09/2020

LA MAFIA IMMAGINARIA

Michele Guerra, Domenica - Il Sole 24 ore, 06/09/2020

STORIE IMMAGINATE DI COSA NOSTRA TRA SEQUENZE E FOTOGRAMMI

Alberto Piccinini, RollingStone, 30/08/2020

Il cinema italiano ha banalizzato la mafia?

Umberto Cantone, La Repubblica - Palermo, 27/08/2020

I FILM SULLA MAFIA E QUEI CLICHÉ ARRIVATI AL CAPOLINEA

Hollywood Party/Radio 3, 21/08/2020

Cinema, il racconto della mafia

Piero Melati, Venerdì di Repubblica, 21/08/2020

CIAK SI GIRA: LA MAFIA