Sebastiano Brusco

Sebastiano Brusco (Sassari 1934-Modena 2002) è stato uno dei fondatori della Facoltà di Economia di Modena. Tra i primi a far emergere l’importanza dei distretti industriali nell’analisi dello sviluppo economico, ha indirizzato il dibattito sulle politiche di sviluppo locale, avvalendosi non solo delle capacità teoriche acquisite in anni di studio tra l’Italia e Cambridge, ma anche di un’intensa attività di ricerca svolta in collaborazione con sindacati, amministrazioni locali, associazioni di piccole imprese e organismi internazionali. Chiamato nel 1998 a svolgere il ruolo di presidente del Banco di Sardegna, ha affrontato l’impegno nel mondo della finanza con tutta la sua curiosità per l’economia e i problemi dello sviluppo. Tra i suoi principali saggi, The Emilian model: productive decentralisation and social integration (pubblicato nel 1982 dal «Cambridge Journal of Economics») è uno dei più importanti riferimenti nel dibattito internazionale sui sistemi di piccole imprese. Il volume Piccole imprese e distretti industriali (Rosenberg & Sellier, 1989) e la raccolta di saggi in corso di stampa (il Mulino, 2004) consentono di accedere alla sua vasta produzione scientifica. Per i tipi della Donzelli ha pubblicato, con Sergio Paba, Per una storia dei distretti industriali italiani dal secondo dopoguerra agli anni novanta, in Storia del capitalismo italiano, a cura di F. Barca (1997), e La banca locale tra profitto e «agente» di sviluppo, in Il territorio come risorsa, a cura di D. Cersosimo (2000).
Responsive image
Sebastiano Brusco
Capacità di progetto e sviluppo locale
Saggine, n. 71
2004, pp. X-148
ISBN: 9788879898805
€ 11,00 -5% € 10,45