Giambattista Basile

Giambattista Basile nacque a Giugliano in Campania, presumibilmente attorno al 1566, da una famiglia di cortigiani e di artisti. Lasciata giovanissimo la sua città natale, girovagò lungamente per le corti italiane, prestando servizio dapprima come soldato nelle milizie e sulle navi della Repubblica di Venezia, poi a Mantova, presso Ferdinando Gonzaga, che lo nominò cavaliere e conte palatino. Tornato nel Regno di Napoli, ricoprì vari incarichi amministrativi nelle provincie napoletane, tra cui quelli di governatore di Aversa e infine di Giugliano, ove morì nel 1632. Le molte sue opere in lingua italiana, in particolare le composizioni poetiche come quelle raccolte nei Madriali et ode (1609) ricalcano senza particolare originalità il canone barocco fissato in quegli anni da Giambattista Marino. Assai più significativa è la produzione in dialetto napoletano, tra cui spiccano le nove egloghe satiriche dal titolo Le Muse napolitane, e più ancora il suo assoluto capolavoro, Lo cunto de li cunti, overo lo trattenimento de’ piccerille, pubblicato postumo nel 1634-36 e conosciuto anche con il titolo di Pentamerone: la prima raccolta di fiabe che in assoluto l’Europa abbia conosciuto.
Responsive image
Giambattista Basile
Tre fiabe da "Lo cunto de li cunti"
2015, pp. 96
ISBN: 9788868432201
€ 13,50 -5% € 12,82