Lorenza Fruci

Mala femmena

La canzone di Totò

2009, pp. X-150, € 18,00

Aggiungi al carrello
(Potrai sempre toglierlo in seguito)

Info
Lorenza Fruci
Mala femmena
La canzone di Totò
 
Prefazione di Renzo Arbore
 
collana Virgola
anno 2009
formato pp. X-150
prezzo € 18,00
ISBN 9788860364180
 
Sinossi

Chi fosse la vera musa ispiratrice della canzone Malafemmena si è saputo solo di recente grazie alle dichiarazioni di Liliana de Curtis, figlia del principe Antonio de Curtis, in arte Totò. Fu infatti lui nel 1951 a comporre la canzone, scrivendone parole e musica, senza peraltro essere né musicista, né paroliere. Eppure, Totò non la incise mai, né mai la cantò in pubblico, limitandosi a seguirne il successo da lontano. Il primo a inciderla su un 78 giri fu infatti Giacomo Rondinella, e il lancio ufficiale avvenne ad opera di Mario Abbate in occasione del Festival di Piedigrotta. Da allora la canzone conobbe un’ondata montante di popolarità, tanto in Italia che all’estero, e ben presto si guadagnò l’aurea di un classico. Ancora oggi è al centro del repertorio di grandi nomi della musica italiana, uno fra tutti Renzo Arbore, che la porta in giro per il mondo con la sua Orchestra Italiana, come simbolo di una lunga tradizione. Il testo in napoletano non ha impedito alla canzone di parlare un linguaggio universale, espresso da una melodia di particolare forza e qualità. Solo un grande amore – e burrascoso – come quello tra Antonio de Curtis e la moglie Diana Rogliani poteva dunque ispirare una canzone tanto popolare come Malafemmena, con buona pace dei paparazzi… Dai gossip alla ricostruzione fedele, il libro racconta storia e retroscena di una leggenda musicale

L'autore
Lorenza Fruci, giornalista, si occupa di cultura, costume e eros per varie testate, tra cui «Cultumedia.it», «Blue» e «Terza Pagina». In tv lavora come inviata e opinionista per la Rai e per canali Sky.
Eventi

Ravenna - 18 Aprile
Presentazione di "Cronache di piombo e di passione" di Vittorio Emiliani

Roma - 23 Aprile
Presentazione del libro di Orlando Franceschelli "Elogio della felicità possibile"

Le novità della collana