Homepage » Autori » S

Adam SMITH (1 libro)

Adam Smith morì a Edimburgo il 17 luglio del 1790, all’età di 67 anni, dando alle fiamme i sedici volumi dei suoi manoscritti. «Io sono un lavoratore lento, molto lento», disse il promotore della produttività al suo editore, in occasione dell’ennesima riedizione e revisione di un suo testo. Così, forse per eccesso di zelo, forse per portare con sé i ricordi personali, ha lasciato a bocca asciutta generazioni di accademici. Non si ha alcuna notizia di sue relazioni sentimentali, ma solo di intime amicizie, come quella con David Hume, suo grande sostenitore e interlocutore. Che tipo di zingaro sarebbe stato non possiamo saperlo. Ma se è vero, come lui stesso scrisse, che filosofi si diventa e non si nasce, probabilmente lui non lo sarebbe diventato se suo zio non lo avesse recuperato nel bosco all’età di tre anni dove lo aveva tratto con sé un gruppo di gitani. Chissà se avrebbe conservato la sua nota compostezza. È però probabile che non staremmo qui a scrivere la sua biografia e di certo l’economia moderna sarebbe stata decisamente diversa, compreso il pensiero di Marx, quello dei suoi antagonisti e tutto ciò che ne è seguito. Ma la storia non si fa con i se e Smith andò a Glasgow all’università, dove seguì i corsi di Francis Hutcheson, suo maestro elettivo. Proseguì gli studi nell’austera Oxford, dalla quale rischiò l’espulsione perché trovato in possesso di un libro di Hume. Nel 1752 prese il posto di Hutcheson a Glasgow, insegnando filosofia morale e nel 1759 diede alle stampe il suo primo libro, la Teoria dei sentimenti morali. Accolse negli spazi dell’università, contro la corporazione dei fabbri di Glasgow che lo osteggiava, l’inventore di macchine James Watt. Dopo una rapida carriera, sostenuta dal plauso di tanti studenti, divenne vicerettore dell’università. Ma nel 1764 l’abbandonò, accettando un ingente vitalizio in cambio di un giro per l’Europa come precettore di un giovane duca. A Tolosa iniziò a scrivere il suo libro più famoso, La ricchezza delle nazioni, «per passare il tempo». A Ginevra incontrò Voltaire e a Parigi frequentò i salotti del tempo, dove conobbe D’Alembert, Helvétius, Franklin, Turgot e Quesnay, al quale pensò di dedicare il libro in scrittura. Questi, però, morì prima del tempo, perché ci vollero dieci anni di intenso lavoro affinché Smith fosse soddisfatto e pubblicasse il volume nel 1776. Il successo, però, fu immediato e gli procurò notorietà in tutta Europa. Dal 1778 fino alla morte fu commissario per le dogane della Scozia, incarico speciale per chi come lui spese una vita in nome del libero commercio, ed era figlio di un controllore della dogana, morto quattro mesi prima che venisse al mondo il suo unico figlio, del quale non è nota con esattezza la data di nascita, ma solo che fu battezzato il 5 giugno del 1723.

 

Adam SMITH NEL CATALOGO DONZELLI
 
Adam Smith
2011, pp. 160, € 9,50
È possibile una società armoniosa basata sulla libertà individuale, i cui appartenenti non siano già tutti saggi? Quale po ...

Eventi

Roma - 17 Settembre
Presentazione del libro Abbondanza, per tutti

Venezia - 23 Settembre
Presentazione del volume MONUMENTI PER DIFETTO di Adachiara Zevi

Venezia - 28 Settembre
Come pesci nell’acqua? Criminalità organizzata al nord. Presentazione del libro Mafie del nord. Strategie criminali e contesti locali» della Fondazione RES